Ciarnier (Punta) da Baraccone, traversata al Vallone di Rio Freddo per il Passo di Testa Combè

Ciarnier (Punta) da Baraccone, traversata al Vallone di Rio Freddo per il Passo di Testa Combè

Dettagli
Dislivello (m)
1200
Quota partenza (m)
1535
Quota vetta/quota (m)
2571
Esposizione
Tutte
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
Mulattiera, sentiero, niente, ometti

Località di partenza Punti d'appoggio
Alberghi a Vinadio e a Sant'Anna di Vinadio

Avvicinamento
Superato Vinadio in direzione colle della Maddalena si prende il bivio a sinistra per S.Anna di Vinadio - Colle della Lombarda, appena usciti dalla borgata Pua si gira a sinistra per il Vallone di Rio Freddo, a quota circa m.1150 parte sulla destra il sentiero per la Ciarnier, palina indicatrice, nei pressi, poco più avanti, si lascia un auto, piccoli slarghi. Con l'altra auto si ritorna sulla strada per il Colle della Lombarda e arrivati al Baraccone m.1535 si parcheggia in prossimità delle vecchie caserme, cartello indicatore per la Ciarnier sulla caserma.
Note
Itinerario che descrivo nonostante ci siano già le relazioni di salita sia da un lato che dall'altro perchè lo ritengo completo e meraviglioso nella traversata dai Baracconi alla strada per il vallone di Riofreddo, passando per la Punta Ciarnier e il suo fortino diroccato, vestigia di un lontano passato che torneranno ad essere quello che erano e contribuire ad alzare la quota della punta di pochi metri, ed il Funs Ciarnier. Itinerario che richiede l'utilizzo di due auto, una da lasciare all'arrivo e una alla partenza. Itinerario sicuramente fuori dalle piste battute, che si svolge in buona parte su vecchie e splendide mulattiere militari, in alcuni punti ridotte purtroppo a esile traccia ed in altri perfettamente conservate! Percorso molto selvaggio in quasi tutto il suo svolgimento, dopo il Gias soprano di Maladecia su esile sentiero, e nella parte alta per arrivare alla Ciarnier, su ripidi pendii erbosi e pietraie, con qualche ometto che indica la direzione, arrangiandosi a trovare il percorso migliore, poi dal Passo tra la cima Resdour e la Punta Ciarnier con un bellissimo percorso, su mulattiera a tratti franata, alternata a tratti splendidamente conservati, che in maniera molto articolata scende sulla strada che va nel Vallone di Rio Freddo.. Dalla Punta Ciarnier si può traversare per cresta in direzione del Passo Ciarnier, Funs Ciarnier e Testa Cairiliera. Consigliata per chi ama i luoghi solitari e poco frequentati. Da valutare bene la lunghezza del giro, in discesa il dislivello è di circa 1700 metri. Da non fare in caso di nebbia!
Descrizione

Dalla località Baraccone m.1535 sulla strada per Sant’Anna di Vinadio, seguire lo sterrato fino al Gias soprano di Maladècia (circa1750m. palina indicatrice Ciarnier). Alle spalle della costruzione parte a sinistra un esile sentiero, ometto, seguirlo al meglio, ometti, la traccia va verso la valle, nord, fino ad arrivare a un grande larice ed un piccolo rudere diroccato, da qui il sentiero/traccia va verso destra e lo si vede che taglia in diagonale fino ad arrivare su un ripiano erboso e perdersi. Da qui si punta verso i ruderi ora visibili del fortino di Punta Ciarnier, si trovano sempre degli ometti e in alcuni punti anche un esile traccia. Gli ometti tendono nella parte alta a portare a destra ma si finisce in una pietraia, prima di arrivare a questa tirare decisamente su verso la Ciarnier cercando i tratti meno ripidi, qui non ci sono più ometti e si sale al meglio fino a raggiungere il colletto tra la cima Resdour e la punta Ciarnier, dove incrociamo il sentiero che porta al passo Ciarnier 2465m. Dal colletto si segue invece una vecchia mulattiera che punta verso il forte, a tratti interamente franata, che con comoda salita in breve raggiunge il forte diroccato sulla vetta della Ciarnier m.2571.
Dalla Punta Ciarnier si può proseguire per il facile crinale sud fino al passo Ciarnier m.2465 e da li volendo, in breve, fino al Funs Ciarnier m.2540. Ritornati al Passo Ciarnier (Al Passo Ciarnier arrivava una vecchia e bella mulattiera militare, ora quasi completamente scomparsa, che partiva dal Vallone di Rio Freddo nei pressi dei Forest Nadin, m.1400 circa, vecchia palina alla partenza) si segue la mulattiera che tagliando il fianco ovest della Punta Ciarnier, ci riporta al passo tra La Cima Resdour e la Punta Ciarnier.
Dal passo parte una traccia verso il vallone/comba sottostante, ben visibile dalla Punta Ciarnier e dal colletto, a nord tra la Resdour e la Ciarnier, che si perde subito in un ripido pendio di terra, il vecchio sentiero è stato portato via da una frana, ma riappare pochi metri sotto, volendo si scende pochi metri in questo pendio fino a ritrovare a sinistra il sentiero nei pressi di una paretina rocciosa, passaggio un po delicato, meglio scendere alla meglio invece dove finisce il sentiero, dove avrebbe fatto il tornante, a sinistra di questo, in un canale pendio di erba e pietre, di pochi metri, protetto, traccia di passaggio, puntando al sentiero che si vede pochi metri sotto di fianco ad un grosso masso. Quando ci si immette sul sentiero non resta altro da fare che seguirlo, a tratti bella mulattiera lastricata, a tratti esile traccia, nello splendido, selvaggio pietroso vallone tra la Punta Ciarnier e la Testa Combè, caserma diroccata nella pietrosa comba sottostante (Ricovero Nasalli m.2300 circa). Si prosegue sempre sulla mulattiera che in alcuni tratti è semplicemente meravigliosa, dopo un tratto perfettamente conservato, si sale con sentiero e traccia ad un colletto a sinistra, senso di marcia, della Testa Combè, ruderi di fortificazioni in pietra, si prosegue oltre seguendo una curiosa trincea naturale in pietra, si passa un colletto e si giunge al Passo di Testa Combè m.2160, si comincia a scendere, a tratti lato Rio Freddo, a tratti lato Sant’Anna, sempre tra mulattiera, sentiero e traccia alternati. Passando da tratti nel lariceto a tratti scoperti, sempre seguendo la mulattiera o quel che ne resta, si giunge a dei ruderi in pietra sullo spartiacque al Poggio Donea m.1857, pilastro rotondo in pietra cementato. Si prosegue la discesa sempre seguendo la mulattiera entrando in un bel bosco di faggi, si passano dei ruderi in pietra, posto cambio muli e alcuni forest, fino a sbucare sulla strada del Vallone di Rio Freddo, palina per la Ciarnier, m.1140 circa, non resta ora che raggiungere l’auto lasciata al mattino e poi con questa a recuperare l’altra al Baraccone.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Cartina Fraternali n°13 Alta Valle Stura di Demonte
giada
12.08.2015

Nelle vicinanze Mappa

5 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato