Argentera (Cima Sud) Via Normale per l’Altopiano del Baus

Argentera (Cima Sud) Via Normale per l’Altopiano del Baus

Dettagli
Dislivello (m)
1752
Quota partenza (m)
1545
Quota vetta/quota (m)
3297
Esposizione
Sud-Est
Grado
PD-

Località di partenza Punti d'appoggio
Bivacco Franco, Giorgio, Lorenzo al Baus

Note
Alternativa alla via normale che sale dal rifugio Remondino. Questo itinerario sale dalla valle della rovina fino al bivacco Baus passando per il bacino del Chiotas. Si ricongiunge alla normale "classica" al paso dei detriti.

Seguendo questa transita in un ambiente vario ed interessante: la prima parte è condizionata pesantemente dalle infrastrutture artificiali della centrale elettrica, mentre la seconda si sviluppa in ambiente selvaggio e poco frequentato. L'itinerario è piuttosto lungo e richiede preparazione fisica.
Descrizione

Dal lago della rovina si risale al rifugio genova per la bella mulattiera che si inerpica ad O del lago. Senza troppe difficoltà si giunge al bacino del Chiotas dove si costeggi l’omonimo lago e si raggiunge il rifugio Genoa. Da qui si seguono le indicazioni per il bivacco del Baus (già visibile con visibilità ottimale). La traccia è segnata da tacche gialle. La salita si sviluppa tra placche rocciose e cengie erbose.
Dal bivacco si costeggia la sinistra del crestone che scende direttamente dalla cima sud dell’Argentera, tra erbe e placche inclinate (un po di attenzione!) si giunge alla Balconera: un piccolo bacino glaciale posto al di sotto del passo dei detriti. Da qui si sale uno speroncino di rocce rotte che conduce al Passo dei Detriti. al passo, da cui si gode una stupenda vista sulle Marittime, si segue a sinistra la traccia segnata che supera uno speroncino di roccia per poi affacciarsi sulla parete Sud-Est della cima Sud dell’Argentera.
Da qui si raggiunge l’evidente cengia a destra che taglia tutta la parete sud e con la dovuta cautela (in alcuni punti è piuttosto stretta, circa 30 cm e la parete superiore è leggermente aggettante) la si percorre. L’unico passaggio difficoltoso, per la sua esposizione, è protetto da delle corde fisse. Percorsa la cengia, quando questa prende a salire si prosegue tra massi incastrati (protezione con delle corde fisse nell’unico tratto più impegnativo), fino a sbucare poco sotto la croce della vetta 3297 m.

N.B. Per raggiungere il Passo dei Detriti e l’Altopiano del Baus, è anche possibile salire da Terme di Valdieri per il vallone di Lourusa e fare tappa al Rifugio Morelli-Buzzi. In questo caso però lo sviluppo del percorso è notevole.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
angelob
26/07/2019
2 anni fa
4 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
11 anni fa
16 anni fa
17 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 2020m 2.7Km

Diga del Chiotas

Stazione Meteo
Link copiato