Gulliver outdoor - arrampicata, escursionismo, scialpinismo, sci alpinismo, alpinismo, canyoning, trekking, MTB, Cicloturismo

rickyalp82


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: * / ***** stelle
osservazioni :: osservato fratture nel manto
quota neve m. :: 2400
Esplorazione in questo magnifico vallone di Piantonetto. Peccato per il tempo che è rimasto quasi sempre tappato, tranne qualche schiarita ogni tanto. Neve molto brutta, le temperature più basse hanno permesso si, un ottimo rigelo e quindi di salire bene con ramponi e di non sprofondare mai, ma purtroppo per la discesa è stata più una sopravvivenza che altro. Rigole, neve ad onde verglassate, ci hanno fatto tenere le antenne dritte fino alla fine. La parte iniziale della parete invece, era neve marcia sfondosa, con alcune bocca di balena su tutta la parete.
Meno male che la compagnia del Buon Cala e di Ste , ha aiutato a rendere comunque la giornata degna di nota.
Un saluto a Tania, sempre con il sorriso. e a tutta la combriccola del Rifugio Pontese.
Pranzo super e birra ottima.

canale ovest del becco di valsoera

In parete

Ste è incredulo. Non ha mai visto una neve così bella. :)

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Bagnata
Portage dalla diga fino alla fine del Pian delle muande. Causa alte temperature, in basso il rigelo è stato praticamente nullo, ma comunque si sale bene, la neve è compatta. Mano a mano che si sale, troviamo neve sempre più liscia e ottimamente rigelata, fino ad arrivare al sul ghiacciaio di roccia viva, con a sinistra il conoide del canale.
Cambio assetto.
Davanti a noi, vediamo altri due che stanno salendo il canale, seguiamo le loro peste in neve praticamente marcia fino ad arrivare al colletto, e poi a sinistra in vetta.
Parte iniziale di discesa, con neve caduta di recente ormai trasformata, poi dal colletto in giù come detto prima, completamente marcia tranne alcune zone dove portava discretamente.
Discesa del ghiacciaio di roccia viva, su ottimo firn invece, gran neve portante.
Anche nel canale basso, prima di arrivare ai piani inferiori, comunque abbiamo fatto delle discrete curve.

Con l’amico Fabri, sempre motivato ed euforico per queste primaverili dal sapore antico.
Un grazie per la traccia, ai due ragazzi che sono entrati prima di noi nel canale.
sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m. :: 2100
Partiti da Miandette per il sentiero estivo che porta ai 13 laghi. Ormai la neve continua è presente da poco sotto la conca dei 13 laghi. Rigelo comunque ottimo. Saliti fino al colletto, per poi proseguire in vetta seguendo la cresta.
Discesa per la nord sul lato destro (faccia a valle) su neve molto dura ma liscia. Un po’ di slalom tra le rocce, qualche foto, e ci immettiamo nel canale inferiore che ci porta di nuovo nella conca dei 13 laghi.
Arrivati sotto il canale nord est del Cornourin, decidiamo di salirlo per andare fino in cima. In discesa la neve era molto molle, ma comunque ben sciabile.
Ritornati alla macchina, abbiamo festeggiato, con le giuste distanze, lo stop del lockdown con vino, birra, taralli, prosciutto e formaggio.

Un saluto ai miei compagni di ravanate.
Popino, che ha fatto sfoggio del suo fisico statuario, Fabricino poverino, forte come un contadino con la sua fidata zappa e Luis, che ci ha deliziati con la sua ultima fuoriserie tedesca.


distanziamento

Al colle, dietro la Cialancia

Si prosegue per la cresta

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: parcheggiato all'ultimo tornante prima di arrivare alla malga
quota neve m. :: 2000
Inizialmente nuvoloso, poi mentre salivo il cielo è diventato tutto azzurro. Portage fino a dopo il lago, quando il sentiero si impenna un po' si possono già calzare gli attrezzi. Tutti e due i canali abbastanza svalangati. Salito dal canale di sinistra, salito in punta, sceso al rifugio lago verde, risalito al colletto sopra ai canali e poi sceso verso la macchina.
Non sono sceso da uno dei canali che erano appunto quasi tutti svalangati, ma da dietro, in una moquette fantastica, andando a incrociare la discesa che arriva dalla Cerisira.
Giro dopo la quarantena forzata.

Uscita canale di sinistra
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa compatta
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa compatta
Prima volta in questo bellissimo itinerario di ripido nella zona del Bianco. Prendiamo la prima salita alle 8.30 assieme a molte altre persone. La solita fretta della prima linea. Abbastanza velocemente ci dirigiamo verso la normale della Tour Ronde e al colle Freschfield per poi arrivare in vetta.
Dietro di noi 7 persone, ma per fortuna con un po' di velocità riusciamo a partire per primi.
Partenza con neve un po' dura, poi appena si entra nel canale la neve migliora, diventando polvere. Traverso per arrivare sotto l'Aiguille Noire de Peuterey e di nuovo discesa spettacolare fino in Val Veny, dove si incontra la strada che porta direttamente allo Skywave.
Assieme a Luca, Pietro e Stuco, sempre gasati e vogliosi di esplorare.



Un saluto a Diego, Mauro e gli altri ragazzi incontrati durante la salita.

Verso il freshfield

Quasi al colle

Il fiorito sulla cresta

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
Gita molto diretta e rampanti strautili (con la split) soprattutto nel pendio iniziale, dove la neve era ancora abbastanza dura.
Arriviamo nel magnifico anfiteatro superiore a godere della splendide guglie di calcare e ci dirigiamo verso il conoide. Saliti con le pelli fino a metà canale, carichiamo gli attrezzi sulle spalle e via fino in cima dove ci attende un bel vento patagonico a raffiche.
Tranne la prima parte di cresta marmorea, la discesa è avvenuta su neve trasformata al limite (sarebbe stato meglio partire un’ora prima). Comunque nel canale qualche bella curva si fa, basta andar a cercare le contropendenze.
Conoide e parte inferiore gita, personalmente mi sono piaciuti molto, la neve non aveva mollato così tanto come nel canale.
Oggi assieme a Simo, sempre un piacere organizzare qualcosa con lui e Alice, con il sorriso a 32 denti per tutta la gita.

Birra finale rigenerante e super crêpes, al centro fondo di Aisone.



Sembra maggio

Prima del conoide. Super ambiente.

Quasi in cima

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
Da qualche tempo avevamo in mente questa bellissima montagna. Partiti da Chialambertetto con pelli per una mezz’ora.
Poi subito tavola a spalle e dritti per dritti in mezzo al bosco. Il cielo un po’ velato per fortuna non ci ha fatto patire troppo il caldo. Con l’innevamento attuale, abbiamo salito una linea che a noi appariva più logica e diretta, rispetto all’itinerario originale, e che permette di non levare mai gli attrezzi in discesa.
Ci sono due strettoie, comunque abbastanza innevate. Discesa su neve trasformata, ogni tanto nelle parti più all’ombra, farina molto compatta sciabile. Le due strettoie si passano bene, la prima toccando un po’ le rocce con punta e coda della tavola, l’altra senza alcun problema.
Finito il “labirinto” della parete, abbiamo sfruttato una valanga sulla destra (faccia a valle) e siamo riusciti ad arrivare a 100 metri dall’auto con gli attrezzi, altra bella soddisfazione.
Oggi assieme a un bel gruppo di forti ragazzotti di primo pelo.
Bas, sempre un bel vedere, Popi che sicuramente se la cava, Fabri magnifico socio con la tavola, Chiappo il profeta e Elio bravissimo a raccontar barzellette.

Sarebbe stato bello far volare il drone sopra questa bellissima montagna.

Si iniziano le danze

Mondrone laggiù

Uno dei due traversi

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa pesante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m. :: 1400
Parcheggiato al tornante di Pian del Mar, ho m seguito la strada fino alla costruzione di cemento. Sono salito a destra imboccando una parvenza di sentiero, tra poca neve e rami fastidiosi. Uscito dal “rattaio”, ho imboccato il canale, che fra accumuli di farina un po’ pesante e neve un po’ più dura, mi ha fatto arrivare abbastanza velocemente in cima. La discesa su quei pochi cm di farina che si sono depositati tra sabato e domenica, l’ho trovata piacevole. Il fondo non troppo duro abbastanza liscio, mi ha fatto fare belle curve. In alcuni tratti, era un po’ irregolare ma non fastidioso.

Ritorno dopo tanti anni su questa parete nelle montagne “di casa”. Avendo passato gran parte dell’infanzia e oltre, in queste bellissime zone.


In parete

Verso punta Selassa

Dalla cima la cresta per arrivare al Rumella. Sullo sfondo, la piana.

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa ventata
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa compatta
quota neve m. :: 1400
Ritorno in questo bellissimo canale dopo tre anni.
Strettoia iniziale ottima, si passa benissimo nessuna traccia di ghiaccio. Canale molto pieno e con vari tipi di neve. Il pendio a destra che porta in vetta dopo l’uscita del canale, moto buono abbiamo deciso di scendere da lì su farina pressata. Bellissimo l’ambiente, la discesa è sempre accompagnata dallo sguardo delle Jorasses.
Assieme al buon Fede detto anche “Mav”
e Gabo, da oggi soprannominato “PapaBoy”.




Pendio finale

Prime curve

Entrata nel canale

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa ventata
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: snowboard
Bellissima gita mai difficile su bei pendii ampi, dove si può godere di buona neve malgrado il vento dei giorni scorsi.
Prima parte su poderale noiosa fino ad arrivare ai piani superiori dove si può godere di un bellissimo panorama (Grivola, Gran Nomenon ecc..). Saliti poi per la cresta finale che porta in vetta e scesi dai due canalini sud che riportano poi ai pendii di salita. Bella neve farinosa compatta un po' ventata che permette comunque di fare dei bei curvoni di soddisfazione.
Anche la parte mediana dell'itinerario ha offerto una bella sciata. Poi il traverso finale su trasformata rigelata veloce, per velocizzare l'arrivo alla macchina e sopratutto al vino.
A mio avviso, per evitare il traverso iniziale per arrivare sotto il Fallere, meglio partire da Thouraz. Più dislivello (200 metri circa) ma più diretto.

Un saluto a tutta la banda presente oggi.
Alfio, l'adoratore della VDA.
Anya, la super slovena in trasferta in terra italiana.
Robi, soprannominato da tutti "Lorenzo Lamas".
Fabri, il saggio in partenza per la Puglia.
Anna che finalmente non finisce sulla Cialma.

Tutti con le split, tranne la temeraria Anna con le ciaspole, a cui piace sucare anche in discesa.

Auguri.


Un grazie alla Notre Maison per il pranzo ritardato post gita.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Scatiglion Orientale (Cima) parete Sud Ovest (30/05/20)
    Roccia Viva Canale Coolidge (23/05/20)
    Cornour (Punta) Versante Nord (07/05/20)
    Gran Guglia Canali NE e N (04/05/20)
    Brenva (Ghiacciaio della) (15/02/20)
    Font Sancte (Pic Nord de la) Couloir Sud (en banane) (09/02/20)
    Mondrone (Uja di) Parete SE (08/02/20)
    Ostanetta (Punta) Parete Est (22/01/20)
    Labiez (Monte) Parete N - Canale Hotel Jorasses (03/01/20)
    Fallère (Mont) da Vetan (26/12/19)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (24/12/19)
    Rumella (Punta) Parete Nord (04/12/19)
    Levanna Orientale, anticima NE Parete NE (26/10/19)
    Grande Aiguille Rousse Parete NE (30/05/19)
    Granero (Monte) Canale Nord (12/05/19)
    Oin (Cima d') parte N, via di sinistra (01/05/19)
    Colmet (Monte) Parete Nord (08/04/19)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (06/04/19)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (23/03/19)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (23/03/19)
    Sautron (Monte) Canale Est (16/03/19)
    Belle Combe (Aiguille de la) Couloir S (02/03/19)
    Ronce (Pointe de) Parete Sud-Ovest, via diretta (23/02/19)
    Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra (16/02/19)
    Albergian (Monte) da Soucheres Basses (06/02/19)
    Velan (Mont) couloir Annibal (19/01/19)
    Rutor (Testa del) da Bonne (12/01/19)
    Creton du Midi couloir E - Il sibilo del cobra (15/12/18)
    Venezia (Punta) Canale N (24/11/18)
    Vincent (Piramide) Parete SO - Canale centrale (16/06/18)
    Gran Paradiso Parete N, Via Bertolone-Vanis (02/06/18)
    Ciamarella (Uja di) Parete Nord (26/05/18)
    Uia (Punta dell') parete NO, variante del canale (17/05/18)