Grand Ruine, Pic Maitre, face SO Le toit de son maitre

difficoltà: TD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 3100
quota vetta (m): 3600
dislivello complessivo (m): 1370

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: podina
ultima revisione: 26/08/11

località partenza: La Berarde (Saint-Christophe-en-Oisans , 38 )

punti appoggio: refuge Chatelleret 2230 m

bibliografia: Oisan nouveau oisans sauvage

note tecniche:
Via molto bella di 13 lunghezze (450 m.), lontana da tutto e nell'isolamento più assoluto. Avvicinamento alpinistico complesso (3 h buone dallo Chatelleret), ghiacciaio delicato con enormi crepacci e dove, una volta arrivati alla base, il tiro "chiave" della via è il superamento della terminale, molto laboriosa.

descrizione itinerario:
Lasciando stare il classico Pilier ovest del 1964 dei tre itinerari aperti in parete è il più abbordabile e ben protetto. Attenzione però a due parametri non indifferenti: l'avvicinamento e la terminale. Il primo è lungo e laborioso, contare almeno 2 ore dal bivio del Pic Nord des Cavales su terreni sconnessi e rarissimi ometti. L'a ttacco, ovvero la terminale (a fine estate) può risultare insuperabile e cmq. molto laboriosa (nella nota di Cambon consiglia portarsi chiodi da roccia, ecc..) utili anche un paio di ch. da ghiaccio per evitare pericolose "acrobazie" nel delicato cambio ramponi/pedule..considerare che il primo tiro e 6a. Sulla via la roccia non è impeccabile come in altre pareti più sane dell'Oisans (Dibona, Sialouze, Pic Nord des Cavales, ecc) per il resto scorre bene e il gran tetto sulla testa dà una certa inquietudine lungo tutta la salita...
Discesa: attenzione alle tre doppie fuori via; una di queste incastratasi ci ha costretti ad una delicata risalita senza assicurazione nel marcio più assoluto. (nota m.conti)