Pizzalto (Boschi di) da Cansano

difficoltà: MC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 850
lunghezza (km): 20

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: annibale
ultima revisione: 23/03/10

località partenza: Cansano (Cansano , AQ )

cartografia: IGM e Carta 1:25000 Maiella

note tecniche:
NB:il tratto di discesa su strada asfaltata verso Cansano dopo il tornante di Q.1170,potrebbe essere in gran parte sostituito con sterrate nel seguente modo:
Al successivo tornante di Q.1124 si gira a sx verso il Rif. Maio.Si supera il fosso mediante sentierino,si risale sull'opposto versante e si trova una sterrata forestale proveniente dal Bosco di S.Antonio.
La si segue lungo la Valle dei Vertoli,lasciando a sx il bivio per V.Schiappara.
Si risale a dx all'asfalto.Si percorrono pochi metri ed alla curva seguente aperta a sx,si segue una sterrata a dx che scende ripidamente passando di fianco ad uno stazzo.
Si tagliano così vari tornanti,si passa sotto ad un viadotto ferroviario e si riesce di nuovo sull'asfalto a Q.875.Da qui molto rapidamente a Cansano lungo l'asfalto.

descrizione itinerario:
Dalla piazzetta di Cansano si segue la strada per Campo di Giove.Al bivio si va a dx verso la Stazione di Cansano.Si lascia poi la strada per la Stazione, deviando a sx per la frazione S.Nicola.L'asfalto dopo un pò lascia posto allo sterrato che lambisce il tracciato ferroviario e perviene alla Fonte Ramarozzo.Si continua per la strada bianca di Piano Cerreto fino a Q.1003 (Mandra delle Vacche),dove si gira a dx seguendo una sterrata verso la località S.Angelo.
Dopo un pò la sterrata si biforca in 2 rami paralleli;si segue il ramo dx che decorre basso in una valletta nel bosco.Si perviene nella bella radura di Valle Grande seguendo lo sterrato fino alla Q.1196.Qui si trova un bivio,a sx verso la vetta del Pizzalto (che si tralascia),a dx verso la Valle Spera.
Si segue la sterrata verso la Valle Spera tenendosi alti sulla valle (tralasciando la sterrata a sx che scende nel fondo della medesima).
Alla q.1183,dove la sterrata farebbe una curva a 90° verso sx per raggiungere il fondo della valletta,si gira invece a dx (inizio sterrata poco evidente perchè un pò sopraelevato;comunque dopo 10 m. circa paletto metallico del Parco Maiella).
Si scende così verso Nord per una sterrata che decorre nel Fosso delle Capre pervenendo alla vasta pianura di Vallepiana a 1029 circa.
Si gira a dx,si passa di fianco alla Piscina e si continua rientrando nel bosco,per una sterrata che riconduce alla strada bianca di Piano Cerreto a Q.991 un pò più a Sud di Fonte Ramarozzo (il tratto terminale di questa sterrata di Vallepiana è inconfondibile a causa del fondo argilloso rosso scuro). Si percorre di nuovo un breve tratto della strada bianca di Piano Cerreto in direzione Sud-Est fino a Mandra delle Vacche (Q.1003).Si gira di nuovo a dx verso S.Angelo.
Questa volta però al bivio si va a sx seguendo la sterrata parallela alta che decorre sopra un dosso.Ad un bivio (rudere di un'abitazione) si va a dx ,lasciando a sx la sterrata per la V.Martore.
La sterrata di dx diventa poi per un tratto sentiero,ma sempre ben pedalabile.Si perviene così di nuovo a Q.1196.
Si va a dx e all'imbocco di V.Spera si scende a sx per la sterrata che decorre nel fondo della valle.Si arriva così al termine della sterrata a Q.1170 ad un tornante della strada asfaltata Pescocostanzo-Bosco di S.Antonio-Cansano.Si segue la strada asfaltata in discesa fino a tornare al punto di partenza.