Bregagno (Monte) e Cima Pianchette da Tecchio, per il Monte Marnotto e il Monte Tabor

sentiero tipo,n°,segnavia: Alta Via del Lario, PTP, sentiero senza inidcazioni
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1290
quota vetta/quota massima (m): 2158
dislivello salita totale (m): 1550

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: erba olina
ultima revisione: 12/06/18

località partenza: Tecchio (San Nazzaro Val Cavargna , CO )

punti appoggio: Rifugio Croce di Campo

cartografia: CNS 1:50000 FOGLIO 287 Menaggio

accesso:
A9 uscita Lago di Como. Proseguire per Menaggio e da qui per Porlezza. Poco prima di giungere a Piano Porlezza si prende la deviazione per la Val Cavargna. Si sale fino a San Nazzaro Val Cavargna. Si attraversa il paese scendendo sin quasi alle ultime case dove si svolta a destra in salita (il bivio non e’ indicato, in basso a destra sul muro si trova la lapide con il nome della via: “Via Tecchio”, non molto visibile). Percorsi pochi metri si sale ancora a destra in direzione “Rifugio Croce di Campo”. La strada asfaltata, al termine della pineta, arriva ai caratteristici bungalow di Tecchio (da qui in poi divieto di transito). Si parcheggia in una piazzola sulla sinistra poco sotto i bungalow.

note tecniche:
Il dislivello indicato e’ approssimativo e puo’ variare in aumento a seconda del percorso scelto e delle elevazioni toccate. Lo sviluppo si aggira sui 23-24 km.
Il Rifugio Croce di Campo alla data del 09/06/2018 e' chiuso e pare che non riaprira'.
Sul percorso non si trova acqua né ombra, itinerario sconsigliabile in giornate molto calde.
L'unico tratto EE e' l'intaglio sotto la q. 2087 e il successivo traverso esposto che precedono il Monte Bregagno.
La quota massima riportata e' quella della Cima Pianchette.

descrizione itinerario:
Dai bungalow di Tecchio si segue la strada prima asfaltata poi sterrata che con ampi tornanti arriva al Rifugio Croce di Campo (q. 1739 m), gia’ visibile poco dopo la partenza (possibili alcuni “tagli” per sentiero). Sopra il rifugio si inizia a salire l’elementare dorsale SSW della Cima Pianchette (tacche bianco rosse con indicazioni “Cima Pianchette – Monte Tabor” – “Alta Via”), cima che si trova proprio a monte del rifugio.
L’ampio versante SE della montagna è percorso trasversalmente da tre sentieri, due dei quali evidenti, mentre il terzo (Alta Via) si mantiene sul filo (o pochi metri sotto) del lungo crestone erboso che arriva sino al Bregagno. Si puo’ scegliere di seguire quello che si vuole, quello intermedio e quello alto si intersecano in alcuni punti mentre quello basso incrocia comunque l’Alta Via del Lario poco sotto la Bocchetta di Sebòl (q. 1979 m), da cui si deve in ogni caso passare.
Percorrendo il tracciato intermedio, pur con molti saliscendi, si evitano tutte le elevazioni che si toccheranno al ritorno. Giunti alla Bocchetta di Sebòl si aggira a S il Monte Tabòr (q. 2079 m) e si arriva al Passo d’Aigua (q. 1954 m).
Si supera poi il largo dosso erboso della q. 2060 m e si aggira a S il Monte Marnotto (q. 2088 m). Proseguendo senza difficoltà (indicazioni “PTP” – Percorso Trail Permanente) si raggiunge l’intaglio, un poco esposto, sotto la q. 2087 m, a cui segue un ripido traverso che, con alcuni saliscendi tra le roccette, conduce all’ultimo facile tratto per la vetta del Monte Bregagno (q. 2107 m) da cui si gode una vista magnifica sul lago di Como e su moltissime vette.
Dal Monte Bregagno si segue a ritroso il sentiero fino al pianoro posto pochi metri a S della vetta del Monte Marnotto. Si risale la piccola pietraia fino in cima.
Da qui si hanno due opzioni:
1. seguire fedelmente il filo di cresta che con molteplici saliscendi raggiunge prima la q. 2060, successivamente la cima del Monte Tabòr e poi le diverse quote della cresta ESE della Cima Pianchette, fino a raggiungere questa vetta;
2. ritornare sui propri passi sino alla depressione tra il dosso quotato 2060 e il Monte Tabor percorrendo poi la dorsale sino in cima. Da qui si scende alla sottostante Bocchetta di Sebòl e si continua a mezzacosta fino ad intersecare il sentiero alto e la cresta ESE della Cima Pianchette nella sua parte finale. Si prosegue pochi metri sotto il filo e, raggiunta la dorsale SSW percorsa all’andata, si volge a destra. In breve si arriva al piccolo ometto di vetta (q. 2158).
Da qui rientro per la via di salita.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale