Soglio (Comba di) giro per il sentiero Naslu e la discesa dei Piloni

difficoltà: MC+ / MC+ / S1   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 790
quota vetta/quota massima (m): 1600
dislivello salita totale (m): 1050
lunghezza (km): 30

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: farshy1971 GIORGIOBI
ultima revisione: 24/08/19

località partenza: Lottulo (Acceglio , CN )

cartografia: Fraternali Valle Maira

bibliografia: Mountain Bike Icardi - Marino Ed. gi-mac per giro breve

accesso:
Lottulo

note tecniche:
Bel giro ad anello frequentabile anche nelle mezze stagioni, ma sconsigliato in inverno essendo rivolto prevalentemente all'inverso. Lungo il percorso si toccano numerose borgate, chiesette,cappelle votive che rendono il giro più interessante. Le due discese sono abbastanza facili anche se non manca qualche tratto più tecnico. La discesa del Naslu può essere evitata rendendo quindi l'itinerario un po più breve. Possibile numerose altre varianti (grazie all'enorme quantità di sentiero e sterrate della zona) ma partendo da Lottulo questo è l'unico giro che consente di non toccare mai la bitumata di fondovalle della Val Maira.

descrizione itinerario:
Da Lottulo (park a centro paese su piccola piazza a dx) si scende su ripida strada ad attraversare il Maira per raggiungere in breve la borgata di Pragelato Soprano. Al primo bivio si piega a dx per seguire la sterrata forestale che si inoltra nell'umida comba del Soglio. La salita risulta a tratti molto impegnativa ma sempre ciclabile, si trascurano bivi secondari fino a quando la strada abbandona il fondo della comba per salire verso sx raggiungendo la borgata Belvedere. Da qui si scende per sterrato veloce (non prendere in salita a dx) e poi di nuovo in salita si raggiunge la strada asfaltata. La si segue a dx in salita passando per varie borgate (Chiotto, Girardi, Saretto) fino a raggiungere infine Serre.
Da qui si continua a seguire la strada d nuovo sterrata che con percorso veloce attraversa nuovamente la Comba del Soglio, passa per Belloni e Soglio Soprano, quindi si innesta sull'asfaltata che da Macra sale a Celle Macra.

Da qui il giro più breve (22 km x 800 m dislivello) prevede di scendere un pochino per imboccare sulla destra un evidente e tecnico single track (PO) che si innesta su sterrata inerbita in arrivo da borgata Ansoleglio. La sterrata va seguita verso dx (toccando in breve alcuni caratteristici piloni) per diventare in breve single track prima a mezza costa (ignorare traccia a sx che scende a Villetta), per entrare quindi in un fitto bosco. La scorrevole discesa diventa più tecnica poco borgata Garino dove descrive alcuni tornanti impegnativi. Raggiunta la sterrata la si segue verso sx ed in ripida risalita si fa ritorno a Lottulo.

Per il giro più lungo (indicativamente 30 km per 1050 m dislivello) la strada asfaltata va invece seguita in salita verso Castellaro fino a trovare sulla sx l'inizio di un nuovo sterrato (1410 m - cartello di divieto per auto) che in salita porta al suggestivo Piano della Colla (sin qui si può anche arrivare passando direttamente per Castellaro ed il PO che - con rampe molto impegnative ma pedalabili - raggiunge anch'esso il Piano della Colla). Si continua a seguire la sterrata (passando in località La Colla) fin dove ricomincia a salire in modo deciso (trascurare prima sentierino a dx che torna a Castellaro e poi sterrato a sx). Dopo pochi metri di salita ripida si raggiunge sulla dx l'imbocco di un sentiero (cartello sentiero dello spirito del bosco Naslu) sistemato recentemente dai forestali. Il sentiero entra subito in un fitto e suggestivo bosco (Fraccia su Fraternali dove il sentiero non è però segnalato) e descrive un lungo traverso con ancora alcuni pezzi in ripida salita. Piegando poi a dx la traccia comincia a scendere decisa e con splendido percorso si innesta sulla sterrata del vallone Tibert che va seguita a dx in discesa toccando in breve le borgate Chiotto, Ruà e infine Chiesa. Da Chiesa (presente bar vicino alla Chiesa) si risale brevemente a borgata Ansoleglio dove si abbandona l'asfalto per attraversare in mezzo alle case e raggiungere in breve la fine del single track del percorso più corto. Da qui come per il precedente.