Surtana (Doloverre di) – Decimo pilastro Coup d’epée

Surtana (Doloverre di) – Decimo pilastro Coup d’epée

Dettagli
Altitudine (m)
350
Dislivello avvicinamento (m)
150
Sviluppo arrampicata (m)
120
Esposizione
Sud
Grado massimo
6b
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
La via risale l'evidente fessura che taglia il pilastro in quasi tutta la sua lunghezza. Lungo la via sono presenti spit e alcuni chiodi. La spittatura (richiodata di recente nella parte più bassa) è piuttosto distanziata, come nello stile degli apritori. La fessura è comunque ben integrabile con friend medi (fino all'1) e piccoli (fino allo 0.1).
La via è intersecata da altre due vie (Porc et Pique e Trans-Surtana Express), che le corrono a destra e sinistra e condividono con la via le prime due soste. Nell'ultimo tratto seguire la fessura e non la linea di spit posti più recentemente a destra della fessura (che appartengono a Trans-Surtana Express).
RS2/I, TD+.
Vaga scritta Trans-Surtana alla base del pilastro.
Tutte le soste sono attrezzate con cordoni e maillon di calata.
Avvicinamento
Da Dorgali percorrere la strada per Gorropu lungo la valle del Flumineddu (Oddoene). Parcheggiare in località Ponte sa Barva. Seguire le indicazioni per Tiscali, risalendo la Scala de Sùrtana fino ad entrare nel vallone boscoso. Percorrerlo fin quasi al suo termine (circa 45 minuti dal parcheggio), quindi risalire la evidente pietraia sulla destra in direzione del bellissimo decimo pilastro, costituito da una pala verticale di calcare grigio solcata da fessure verticali lungo la maggior parte della sua lunghezza.
Descrizione

L1 Dalla base del pilastro salire verticalmente a destra della fessura più evidente (la linea di spit che sale in diagonale verso sinistra fino ad un terrazzino è di Trans-Surtana Express) in un diedrino, spostarsi quindi in placca a destra, superare una pancetta ed immettersi nella fessura che si segue fino alla sosta (6b, 45m)
L2 Seguire la fessura sostando leggermente a sinistra (6a, 25 m)
L3 Inizialmente seguire gli spit lungo le placche a destra della fessura sprotetta, quindi seguire in parte la fessura in leggero strapiombo (saltare la scomodissima sosta con lungo cordone penzolante), infine risalire una serie di tettini fino all’ultima sosta posta in una grande nicchia (6b, 50 m).
Tre calate in doppia sulla via.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Via aperta da Claude e Yves Remy, 29-30 aprile 1989. In epoca più recente è stata oggetto di una parziale richiodatura a spit in modo un po' caotico nell'ultima lunghezza (se si seguono gli spit più nuovi, si finisce su Trans-Surtana Express che corre a destra).
Via su calcare da favola, a detta di molti il migliore che si trovi in Sardegna.
Bibliografia:
M. Oviglia, Sardegna. Guida dei Monti d'Italia, CAI-TCI, Milano 1997
popeantonio
21/09/2014
6 anni fa
Link copiato