Serour (Colle) da San Giacomo

Serour (Colle) da San Giacomo

Dettagli
Dislivello (m)
1116
Quota partenza (m)
1316
Quota vetta/quota (m)
2432
Esposizione
Est
Difficoltà sciistica
MS
Tipologia
Pendii ampi

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da Demonte si prende la Strada Provinciale 268 che supera gli abitati di Fedio e Poracchia e prosegue fino a San Giacomo dove si lascia l'auto nei pressi della centrale idroelettrica.
Note
Gita semplice ma di ampio respiro in ambiente molto bello.
Descrizione

Accanto al cancello di accesso alla centrale ha inizio la strada (percorribile in estate anche in automobile o in bicicletta) che si inoltra nel vallone dell’Arma e sale al Colle Fauniera. Con la neve la strada viene completamente chiusa al traffico e da qui si calzano gli sci percorre un lungo tratto che si sviluppa in leggera salita, superando una casa ed alcune costruzioni di servizio al bacino idrico. Giunti in prossimità dei primi tornanti, dove la pendenza aumenta, si tagliano i pendii prativi per ritrovare la strada più a monte. Raggiunto il pianoro dove sorge il rifugio Carbonetto (1875 m), nei pressi di una palina in legno (indicazione per il “Col Serour”) si prende una deviazione a sinistra il leggera discesa che supera un rio e si porta verso il centro del vallone del Serour. Senza scendere alle baite del Gias Serour, si prosegue in salita sulla sinistra orografica del vallone, superando ampi pendii. Dopo aver guadagnato alcune centinaia di metri, sul lato opposto del vallone si vede una piccola costruzione in muratura, che si oltrepassa mantenendosi sulla sinistra orografica. Dopo aver superato un pendio leggermente più sostenuto, si arriva in vista del colle, che si apre sulla destra (sinistra orografica). Qui non resta che proseguire in leggera pendenza fino alla meta.
Per la discesa si può raggiungere la piccola costruzione in muratura e da lì scendere al Gias Serour tenendosi al centro del vallone. Dalle baite si prosegue sulla destra orografica rimanendo nel vallone e si scende fino al boschetto di larici che costeggia il torrente. Dopo un guado che consente di superare un piccolo rio laterale, si continua a scendere fino alla passerella che permette di tornare sulla strada di salita. Ripercorrendo gli ultimi chilometri della strada si raggiunge il punto di partenza.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Bassa Valle Stura e Valle Grana n. 14 Fraternali editore
robymat
15.05.2014
6 anni fa
7 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 900m 5.3Km

Vinadio

Webcam
Stazione Meteo 1755m 7.2Km

Castelmagno

Stazione Meteo
Link copiato