Sassone (Cima del) da la Vasca

Sassone (Cima del) da la Vasca

Dettagli
Dislivello (m)
1100
Quota partenza (m)
974
Quota vetta/quota (m)
2085
Esposizione
Sud
Grado
E
Sentiero tipo, n°, segnavia
M31

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Vasca

Avvicinamento
Dall'uscita Masera/Valle Vigezzo prendere la S.S.337 e seguirla fino a S. M. Maggiore, quindi deviare per Toceno e Craveggia. Appena giunti a Craveggia prendere la strada a sinistra per la località La Vasca. Ampio parcheggio di fronte all'omonimo ristorante.
Note
Vedasi anche questo itinerario:
https://www.gulliver.it/itinerari/sassone-cima-del-da-craveggia/
Descrizione

Dal parcheggio della Vasca si risale il prato alla destra del ristorante incontrando poco sopra la mulattiera che conduce alla Sorgente Ferrugginosa, alzandosi sulla riva sinistra (destra idrografica) del Rio Vasca.
Si continua lungo la stessa mulattiera incontrando in breve un bivio a cui si tiene la destra (preceduto da un altro bivio poco visibile dove si può trovare una breve scorciatoia), giungendo in pochi minuti alla radura nota come “Piano dei Lavonchi”, non indicata in cartografia. Si risale il prato fino ad incontrare un evidente sentiero che attraversa altre due radure di dimensioni inferiori (2° e 3° piano dei Lavonchi) giungendo in seguito ad un altro bivio, nei pressi di un acquedotto che attraversa la vallata.

Si prende la traccia a destra che con breve discesa porta ad un ponte in cemento sul Rio Vasca. Attraversato il ponte il sentiero risale la riva opposta fino ad un ulteriore bivio a cui si tiene la sinistra. Il sentiero ora largo e comodo si alza notevolmente rispetto al letto del torrente uscendo quindi dal bosco quando a sinistra si notano le baite abbandonate dell’Alpe Marco Sotto. Più in alto, il sentiero si fa più stretto nell’attraversare alcuni rami laterali del Rio quindi riprende a salire con percorso piacevole tra abeti, larici e belle radure erbose costeggiando i pascoli dell’Alpe Marco Sopra giungendo infine alle baite della Colla (m 1723). Il sentiero, ora meno evidente, risale verticalmente i prati, poi con percorso meno faticoso si dirige verso la Bocchetta del Rosario nota anche come “della Cima” o “del Sassone”. Prima di raggiungere il valico si prende una traccia a destra che costeggia le rocce ad Est della Bocchetta, avvicinandosi al versante sud del Sassone.
A questo punto si può scegliere di salire in vetta per la cresta Ovest (facile e con possibilità di evitare le asperità rocciose appoggiando sul pendio a sinistra), raggiungendo alla sua base la selletta quotata m 2014, oppure proseguire sotto la breve parete Sud per affrontare la più complessa cresta Est, la cui difficoltà consiste in una placca rocciosa abbastanza inclinata, evitabile a sinistra per il ripido pendio erboso per riprendere poi la cresta più a monte. La discesa può essere effettuata sul percorso della salita ma sono possibili varianti: proseguendo verso Sud-Est più o meno in cresta per Formalone e Bocchetta di S. Antonio, da cui si ritorna alla Vasca transitando da Cortignasco; oppure verso Ovest, transitando ancora sotto la Bocchetta del Rosario, con un ampio giro a semicerchio passando per Alpe Pidella e Colma di Craveggia raggiungere l’Oratorio di S. Rocco da cui un sentiero non riportato in cartografia, ma segnalato da bolli e frecce gialle (percorso di una gara podistica nota come “la Sfadiàa”), riporta al bivio prima del ponte citato nell’itinerario di salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
CNS 1:25000 foglio 1311 Comologno
Bibliografia:
R. Armelloni Alpi Lepontine Sempoione Formazza Vigezzo ed. CAI-TCI
larix66
12.08.2020
1 mese fa

Condizioni

Link copiato