Voltaggio – Placca Elena (Falesia)

Voltaggio – Placca Elena (Falesia)

Dettagli
Quota vetta/quota (m)
350
Altitudine (m)
350
Lunghezza min (m)
15
Lunghezza max (m)
20
Esposizione
Nord
Grado minimo
6b
Grado massimo
6c

Località di partenza Punti d'appoggio
Trattoria Val Lemme 0108932195

Note
Placca Elena si trova in alta Val Lemme e di questa gode il clima.
Si erge in prossimità del greto del fiume qui caratterizzato da rocce erose e levigate di notevole bellezza, con due grandi marmitte dei giganti e altrettante belle pozze d’acqua.
Data l’esposizione e la vicinanza al torrente, se ne consiglia la frequentazione nei giorni estivi.
Avvicinamento
Per il passo della Bocchetta:
Superato il passo provenendo da Genova, si scende in pochi km al primo paese: Molini di Fraconalto. Dopo altri 5km, si incontrano i lavori della TAV e a ex cava di Voltaggio alla nostra SN. Fatti 100m dopo il ponte della cava, all'esterno dell'ampia curva che piega a DX, vi è lo spiazzo dove lasceremo l'auto. Di qui è già visibile Placca Elena al di là del torrente Lemme.

Da Gavi o dal Passo della Castagnola:
Si raggiunge Voltaggio e si prende in direzione Genova, usciti dall'abitato di circa 1km, poco prima della cava di Voltaggio, si parcheggia nell'ampio spiazzo.

Portarsi di fronte alla struttura rocciosa, fare qualche decina di metri a dx fino ad una traccia di sentiero che scende nel greto del fiume che si guada facilmente e in pochi passi, si è ai piedi della parete.
Descrizione

Si tratta di un blocco eccezionalmente compatto di roccia calcarea, leggermente abbattuta e con fessure che la rendono unica. Di colore scuro e piuttosto rugosa, è alta una ventina di metri e non troppo larga, attualmente è attraversata da 4 itinerari:

  • Via del buco (trad)
  • Rilancio 6B (attrezzata ottimamente ad anelli resinati)
  • Silvestro 6C (fattibile in moulinette)
  • Scorpion 5C (da attrezzare)

 

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Struttura a lungo osservata e finalmente salita e solo successivamente attrezzata da Fulvio Balbi e i suoi amici nei primi anni '80. Prende il nome dalla bambina nata ad un amico nei giorni della prima attrezzatura a spit.
Bibliografia:
Alpinismo per Gioco di Carlo Voena, editore Erga 1987;
Alla scoperta dell'alta val Lemme di Gabriele Bavastro
manuel83
02/09/2019
2 anni fa
Link copiato