Pertusio (Torrione del) Via Leo Cerruti

Pertusio (Torrione del) Via Leo Cerruti

Dettagli
Altitudine (m)
1440
Dislivello avvicinamento (m)
260
Sviluppo arrampicata (m)
130
Esposizione
Sud
Grado massimo
5b
Difficoltà obbligatoria
5b

Località di partenza Punti d'appoggio
Forno della Grigna

Avvicinamento
Dai Piani Resinelli proseguire fino a raggiungere l'ex rifugio Alippi, qui svoltare sulla destra per una stretta strada sterrata (via alle Foppe), in fondo è possibile parcheggiare. Prendere il sentiero n. 9 che conduce al rifugio Rosalba, raggiungendo cosi la base di un grosso torrione , il Pertusio. A sinistra sale una traccia che porta alla base del diedro che si forma tra il Torrione ed il suo avancorpo. Qui è posto l'attacco (in comune con le vie Renata e Santo Domingo).
Note
NDA, 2 mezze corde da 60, in via qualche chiodo, necessaria una serie di friend fino al numero 3 BD. Soste da attrezzare su chiodi in posto, S2 su pianta.

DISCESA :
percorrere la breve crestina di vetta, scendere a dx per ripida traccia erbosa sul versante Nord che in breve porta al sentiero delle Foppe, quindi alll'attacco della via.

Via alpinistica quasi dimenticata e pochissimo ripetuta, roccia a tratti friabile ed erbosa.
Descrizione

1° tiro:
salire il diedro della Renata, rinviare lungo, traversare a sx su placca, obliquare ancora a sx ed entrare nel canalino. Superare un diedrino fessurato, oltre un alberello sostare su 2 chiodi. IV+, 25m.
2° tiro :
salire una breve fessura a dx, uscire su ripida cengia erbosa, salire costeggiando la parete, traversare a sx su muro verticale friabile e raggiungere uno spigolo fessurato, salirlo interamente, attrezzare la sosta su albero. IV+, 35m.
3° tiro :
traversare a dx con i piedi nella fessura orizzontale, salire un ripido gradone grazie ad una larga fessura sulla sx , salire il canale camino ora più ampio e raggiungere un terrazzo erboso. Sosta su 2 chiodi distanti alla base di uno stretto camino verticale d roccia scura. IV+, 30m.
4° tiro :
salire il camino verticale, ostico e poco proteggibile, dopo un tratto erboso delicato il camino si allarga (chiodo), proseguire in verticale fino all’uscita, a dx su detriti instabili fino alla catena di sosta. V+, 45m.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Primi salitori : Raffaele Dinoia e Giacomo Stefani, il 24/11/1973.
mimi
26.06.2020
1 mese fa

Condizioni

Link copiato