Pancherot (Monte) Camera con Vista

Pancherot (Monte) Camera con Vista

Dettagli
Dislivello (m)
1125
Quota partenza (m)
1490
Quota vetta/quota (m)
2614
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
D

Località di partenza Punti d'appoggio
rifugio Barmasse

Avvicinamento
Da Valmartin seguire l'evidente sentiero per la diga di Cignana (1h30-2h). Dalla diga si salgono i ripidi pendii del Pancherot sotto la verticale dei caratteristici torrioni, fino alle rocce più basse (ometti). Si risale un canale erboso (ometto) fino al diedro di partenza (ometto, targa in legno con nome e spit visibile). 20' circa
Note
Salita su bella roccia, difficoltà discontinue con tratti in conserva. Panorama stupendo.
V° max, 400m di sviluppo.
Corda da 50m, serie di friend BD da 0,3 a 3, 4 rinvii, qualche cordino, casco.
Soste da attrezzare o su spit singolo.
Descrizione

L1: salire il diedro (fix) fino ad un pulpito. Traversa di qualche metro a dx e quindi risalire un muretto fessurato verso sx (fix), quindi attraversare una piccola cengia erbosa verso sx fin ad un pilastrino appoggiato (fix di sosta). V, 25m.
Conserva di 30m fino a crestina erbosa e poi attraversando un canale erboso si arriva alla base di un evidente diedro.
L2: Salire il grande diedro di 40m circa. SI trova un fix di progressione a circa 2/3 sulla dx. Sosta da attrezzare al termine del diedro, prima della placca del tiro successivo. IV+, 40m.
L3: salire verso l’evidente placca con fix e quindi traversare a dx in leggera discesa fino a passare il muretto nel punto più facile, in corrispondenza di una fessura con ginepro. V, tiro molto corto (10m) eventualmente concatenatile col precedente, facendo attenzione agli inevitabili attriti.
Attraversare la cengia erbosa e superare le tre fasce rocciose inframezzate da cenge erbose. Il percorso è a propria descrizione (passi dal III al IV), non salire troppo prima di passare l’ultima fascia rocciosa.
Una volta sulla balza rocciosa più alta seguire la costola rocciosa verso sx (passi di III), stando sul bordo, fino all’evidente colletto sulla dx della prima torre.
Dal colletto seguire la cresta (II+), poi aggirare sulla dx una torre minore e scendere sulla cengia erbosa alla base di una maestosa placconata.
L4: salire il diedro/camino (fix) sulla sx della placconata fino ad un colletto che si affaccia sul retrostante canale erboso, fix di sosta. IV, 15m.
L5: alzarsi dalla sosta (brevissimo passo aggettante) e attraversare la cengia verso sx; superare il breve strapiombo nel punto più debole (fix), quindi attraversare di qualche metro a dx e, prima di un placca liscia, uscire a sx lungo un muretto verticale (fix poco visibile da sotto); salire la facile placca fino in cresta (fix di sosta). V, 30m
Salire in conserva gli ultimi metri fin ad un grande massoe quindi scendere di un metro su un terrazzo erboso.
L6: scalare la paretina nerastra e il diedro che permettono di salire al di sopra del grande masso (questo tratto è facilmente evitabile sulla sx per erba e qualche roccetta). Quindi per facile cresta si raggiungono i prati che precedono la vetta del Pancherot (sosta da attrezzare su massi). V, 25m.
Risalendo il pendio erboso, in breve si è alla croce di vetta.

Discesa per comodo sentiero.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Prima salita il 4 luglio 2017 Roberto Ferraris e Roberto Martinelli.
robyf
28.06.2020
1 mese fa
2 anni fa
3 anni fa

Condizioni

Link copiato