Meja (Rocca la) Cosi Vicino cosi lontano

Meja (Rocca la) Cosi Vicino cosi lontano

Dettagli
Altitudine (m)
2500
Dislivello avvicinamento (m)
150
Sviluppo arrampicata (m)
280
Esposizione
Sud
Grado massimo
6b+
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
da Demonte in Valle Stura oppure da CastelMagno in Valle Grana si sale fino al Colle di Valcavera e da qui si scende all’altopiano della Gardetta, tra le caserme diroccate, in pietra nera, della Bandia, si prosegue per la sterrata fino al Colle Margherita, evidente da qui la parete, parcheggiare.
A piedi si scende per un marcato sentiero, poi per prati e tracce sulla pietraia fino alla base delle placche, una 50ina di metri a destra dell’evidente diedro che delimita la parete dal corpo centrale della Meja.
Note
L’itinerario si sviluppa su placche di roccia eccezionale e molto abrasiva, davvero rara alla Meja, fatto salvo pochi metri facili su L4

Discesa:
Le soste sono su due fixe di cui uno con anello di calata, ma è preferibile e più veloce scendere per la normale, 25’.
Dall’ultima sosta traversare la cengia aggirando a DX il piccolo torrione giallo (1 spit) e risalire il retrostante canale per 30m, facile, poi a sinistra oltre il secondo piccolo muro bianco che si incontra salendo (5-6 metri, III) fino al colletto. Ricongiungersi qui alla normale. Scendere lungo la normale sino alla base per poi costeggiare lo zoccolo e tornare agli zaini, 25/30’ in tutto.
Descrizione

La via attacca una 20ina di metri a destra e più in basso di un evidente “pollice” di roccia gialla, FIXE color bronzo sotto un tettino a 8m da terra. Ometto alla base.

L1) superare il tettino ed una bella placca a reglettes, poi per risalti alla sosta, 5c, 55m. 6 fixe
L2) bellissima placca ad intrusioni interrotta da una vaga cengia, 5c, 35m. 6 fixe
L3) incredibile muro continuo a tacche e cannalure, 6a, 45m. 10 fixe
L4) diedrino e pancia in uscita poi facile, 5c, 35m. 4 fixe
Piccolo trasferimento sin sotto una nicchia, 1 fixe di sosta, 20m
L5) portarsi sotto il muro grigio, fixe ravvicinati per non cadere sulla lame sottostanti, con difficile passo d’entrata, traverso difficile e placca, 6b, 25m. 6 fixe
L6) muro difficile e traverso seguendo una grossa fessura, difficile ristabilimento (6b+ in libera o A0) e diritti per cannalure, 6b+ 45m. 10 fixe
L7) tettino a destra e muretto con singolo difficile, 6b, 20m. 4 fixe

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
M. Bernini, F. Parussa e M. Pavone nel 09/’06, dal basso, per le prime 5 lunghezze e terminata da
M. Bernini, S. Latino e M. Piras il 25/06/’07
Bibliografia:
L.Belliardo F.Bottero - Rocca la Meja AlpClimbing - I libri della Bussola - 2011
berni
26.07.2020
2 settimane fa
3 settimane fa
2 mesi fa
11 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa

Condizioni

Link copiato