Maye (Tete de la) Gay Pied

Maye (Tete de la) Gay Pied

Dettagli
Altitudine (m)
1900
Dislivello avvicinamento (m)
100
Sviluppo arrampicata (m)
300
Esposizione
Sud
Grado massimo
5a
Difficoltà obbligatoria
4

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Raggiungere la Berarde e parcheggiare poco prima dell'abitato, sulla sinistra è presente uno spiazzo con un cartello in legno che indica i settori di arrampicata. Percorrere il sentiero, prendendo come riferimento una roccia di forma "umanoide" formato da tre scaglie sovrapposte, prima in un boschetto di betulle e poi su pietraia, costeggiando le placche basali. La via attacca alla sinistra in corrispondenza di una sorgente (presente soprattutto a seguito delle piogge)
Note
materiale utile: 12 rinvii, cordini per le soste, tiri da 30 max, si può scendere in doppia solo fino da L5.

N.B. è possibile unire alcune lunghezze con corde da 60.
Descrizione

L1 – muro tecnico 5a+ (è presente una piccola risorgiva che può rendere la partenza difficile)
L2 – placca abbattuta 3c
L3 – placca abbattuta 3b e muretto 4b
L4 – placca abbattuta in obliquo a sinistra 4a sosta su cengia erbosa
L5 – placca lavorata 4c e piccolo strapiombo 5a
L6 – L7 – L8 – placche abbattute in obliquo verso sinistra (3b-4b)
L9 – pilastrino abbattuto 3c
L10 – risalto con fessure oblique 4c 15 m
L11 – placca inclinata con uscita a sinistra 3b o destra 4b.
L12 – traversare tutto a destra su placca erbosa (spit) e affrontare un muretto 4b e placca inclinata 50m

ultima sosta sul sentiero di discesa della Testa dlla Maye

Discesa: seguire il sentiero attrezzato della Testa della Maye verso la Berarde.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Facile e bella via su placche omogenee di 3b e 4b con qualche pasaggio più complesso, ben protetta, su buon granito/granodiorite, soste da collegare (dalla quinta lunghezza in poi) e tiri da 30 m max.
canale23
21/06/2013
7 anni fa
Link copiato