Marchisa (Rocca La) e Faraut (Monte) anello da Sant’ Anna di Bellino x Cima Sebolet e Monte Reghetta.

Marchisa (Rocca La) e Faraut (Monte) anello da Sant’ Anna di Bellino x Cima Sebolet e Monte Reghetta.

Dettagli
Dislivello (m)
1730
Quota partenza (m)
1840
Quota vetta/quota (m)
3072
Esposizione
Tutte
Grado
EE/F
Sentiero tipo, n°, segnavia
U29 - U27

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Meleze'

Avvicinamento
Da Costigliole Saluzzo si risale la Valle Varaita e dopo Casteldelfino si va a sx fino allo slargo sopra Sant' Anna.
Note
Lunga gita ad anello con tratti faticosi per gli sfasciumi che si trovano sulla cresta di Cima Sebolet e i tratti di roccia marcia dove prestare attenzione, soprattutto nella discesa al Colletto Balma. Per la mancanza di un vero sentiero e segnavia in diversi tratti, da non intraprendere con nebbia.
Descrizione

Da Sant’ Anna (m.1840) o dallo slargo subito sopra (m.1852), si segue la sterrata e le diverse scorciatoie fino ad entrare nel Vallone Traversagne e per il quale si prosegue con direzione Colle di Vers fino sopra il Piano di Traversagne (m.2500c) dove si abbandona il sentiero segnato per andare a sx su tracce, iniziando a tagliare i pendii pascolivi e poi tra le prime pietraie ad avvicinarsi al Vallone che scende dal Colle della Marchisa, per risalirlo tra le pietraie e nevai ad inizio stagione fino al Colle della Marchisa (m.2930) o al colletto subito a dx (m.2950), piu’ vicino alla cima.
Da li si seguono le tracce che rapidamente fanno arrivare sulle due punte di Rocca La Marchisa (m.3072).
Dalla cima si scende per sentierino tra il pietrame della via normale fino ad arrivare al Colle di Vers (m.2862), dove passati lato Sant’ Anna, si va subito a sx tagliando su sfasciumi pressoche’ in piano fino al canale che si risale ripidamente su tracce arrivando in cresta al colletto tra la Quota 3003 e la Cima Sebolet, per salire a dx su tracce fino alla Cima Sebolet (m.3023).
Sempre per cresta, si scende su tracce fino al colletto sottostante e attraversato, conviene lasciare la cresta (rocce marce e sfasciumi) per tagliare su sfasciumi i ripidi pendii fino a raggiungere l’evidente costone con rocce alla base e per il quale si affronta la ripida salita su sfasciumi fino al Monte Reghetta (m.2965).
Da li si scende al successivo colletto da dove si puo’ salire sia per mulattiera a sx, oppure direttamente e poi per tracce si arriva dalla Croce del Monte Faraut (m.3046). Per la discesa invece, si scende su tracce tra sfasciumi e rocce marce lungo la cresta Nord fino al Colletto Balma (m.2767), dove si lascia per scendere a sx su tracce lungo in vallone (raggiungibile su pietrame da sopra) fino a collegarsi nel sentiero GTA e per il quale a scendere attraverso la Gola delle Barricate fino a Pian Ceiol (m.2070) e attraversato, si prosegue su sterrato fino alle auto.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 111 - 1:25000
Bibliografia:
In Cima nelle Alpi Cozie Meridionali
2 settimane fa
4 settimane fa

Condizioni

Link copiato