Grauson (Monte) anello per la parete N e la cresta S

Grauson (Monte) anello per la parete N e la cresta S

Dettagli
Dislivello (m)
1600
Quota partenza (m)
1787
Quota vetta/quota (m)
3240
Esposizione
Nord
Grado
AD

Località di partenza Punti d'appoggio
Biv.Grauson Tentori (attualmente inagibile)

Avvicinamento
Da Aosta dove proseguendo fino a Sarre a valle del paese a sx prendere la statale per Cogne. Giunti in paese a sx seguire le indicazioni per Gimillian. Arrivati in quest'ultima localita' si parcheggia in prossimita' dei cartelli segalatori in giallo x il vallone del Grauson.
Note
Le difficolta' maggiori sono riscontrabili unicamente all'interno della grigia e repulsiva parete nord alta ca 200m, di neve roccia insicura. Le condizioni della parete sono inoltre mutate significativamente nel tempo, accrescendone cosi' le difficolta', con tutta la fascia superiore di roccia affiorante per la maggiore, e instabile al punto tale da scoraggiarne la salita senza adeguata esperienza e preparazione.
Di qui la ragione per cui da quando il Cardellina nell'85 la scalo' per l'ultima volta, piu' nessuno ci aveva messo piede fino ai giorni nostri. Non sarebbe esagerato definirla una AD+ a seguito di tutti i cambiamenti in peggio avvenuti lungo le vie difficili d'alta montagna in questi ultimi trent'anni.
Descrizione

Da Gimillian su comodo sentiero segnalato fino alle Alpi Grauson vecchie (2271). Seguire le indicazioni per i laghi di Lussert.
Ad un secondo bivio con ampio giro a semicerchio da dx a sx si perviene alle alpi Grauson di sopra (nuove) e proseguendo sempre x sentiero a tratti ancora sommerso dalla neve, ancor prima di giunger in prossimita’ dei laghi svoltare a sx puntando in direzione ovest fino ad arrivare al cospetto della parete nord, con cenni alla base dei resti dell’ormai estinto ghiacciaio di Lussert (ore 3.30-4 dalla partenza).
Si risale il ripido pendio per lo piu’ nevoso a sx di una compatta placca rossastra. Attaccare la parete soprastante appena a sx del massiccio e turrito sperone roccioso che sostiene la quota 3201m.
Salire senza percorso obbligato, verso una zona di massi instabili con ripidezza via via maggiore man mano che si sale, sfruttando alla bene meglio quanto piu’ possibile i lati deboli della parete.
Giunti in cresta, con salita diagonale ascendente da dx verso sx (attenzione terreno molto insidioso enormi massi accatastati in modo caotico con enormi buchi, e ricoperti solitamente di uno strato di fresca) si riguadagna il filo di un aguzza anticima rocciosa che si aggira lato Cogne in forte esposizione sfruttando belle lame di roccia compatta (meglio legarsi) fino a giungere in vista della vetta posta piu’ a est ancora e raggiungibile in pochi minuti con facile arrampicata sul filo di cresta (2-2.30 ore, tot.ore 6-6.30 dalla macchina).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Una montagna che passati i suoi momenti di gloria risalenti all'epoca delle prime ascensioni che l'hanno vista protagonista sin dai primi anni del secolo scorso fino all'85, ultima data dove si registra ancora una salita ad opera del Cardellina, e' finita inspiegabilmente per altrettanti lunghi anni nell'oblio piu' totale.
Cartografia:
Kompass Gran Paradiso Valle d'Aosta Sentieri e Rifugi Carta Turistica 1:50.000
Bibliografia:
Guida dei Monti d'Italia Emilius Rosa dei Banchi Parco del M.Avic di Giulio Berutto e Lino Fornelli CAI-TCI Marzo 2005
enzo51
19.06.2014
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1800m 200m

Cogne – Gimillan

Webcam
Stazione Meteo 1470m 1.9Km

Cogne – Crétaz

Stazione Meteo 2279m 3.5Km

Cogne – Grand-Crot

Stazione Meteo 1682m 4.2Km

Cogne – Valnontey

Stazione Meteo 1613m 4.6Km

Cogne – Lillaz

Panoramica 3090m 5Km

Punta della Valletta

Panoramica 2819m 6.2Km

Testa Nera

Panoramica 2584m 7.2Km

Rifugio Vittorio Sella

Stazione Meteo 2280m 7.6Km

Gressan – Pila-Leissé

Link copiato