Faveroy (Col) da Runaz

Faveroy (Col) da Runaz

Dettagli
Dislivello (m)
1425
Quota partenza (m)
813
Quota vetta/quota (m)
2248
Esposizione
Varie
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Escursione che in estate, come difficoltà, può essere classificata “E”, ma se effettuata ad inizio stagione, con la parte alta del vallone ancora innevata, allora il livello sale.
Se dal colle si decide di scendere in Valgrisenche vi sono due possibilità, o di scendere lungo il sentiero 20B verso l’Alpeggio di Glacier per poi rientrare a La Clusaz lungo il percorso dell’Alta Via n. 2, oppure di scendere direttamente a Baulin lungo un sentiero che a volte si fa fatica a individuare.
Descrizione

Dal villaggio di Runaz (813 m)si sale lungo la strada asfaltata (indicazioni per la Maison Mosse) fin dove la strada termina in un parcheggio ed inizia il divieto di transito. Qui parte il sentiero n. 20 con tutte le sue successive diramazioni.
Seguire la strada sterrata per poche centinaia di metri, quindi prendere a destra il sentiero 20 A/B (segnavia) fino al primo bivio, ove si prosegue diritti lungo il 20B trascurando il ramo 20A per il Mt. Colombo (altro segnavia). Il sentiero ritrova poi la sterrata e si arriva ad un grande bivio dove si incrociano prima la strada che scende a Runaz e poi, proseguendo, quella per l’Alpeggio di Freynoz. Si riprende poco dopo a destra (palina segnavia) il sentiero che sale nel bosco, si incrocia nuovamente una sterrata, che però non è la stessa che sale all’Alpeggio di Pesse, si prosegue ancora nel bosco, facendo attenzione a ritrovare il sentiero. Si sbuca nuovamente sulla sterrata dove si vede, in alto, l’Alpeggio di Pesse che può essere raggiunto tagliando il tornante. Appena dopo l’Alpeggio imboccare di nuovo il sentiero (destra), incrociare di nuovo la sterrata e proseguire di nuovo sul sentiero (palina segnavia ed indicazione pirografata su legno).
Ad un bivio con palina tenere la destra; proseguendo si arriva ai ruderi delle alpi di Faveroy (2039 m) da cui è ben visibile il colle, che si raggiunge in breve.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta L’Escursionista, Fg. 2 (la Thuille) e 4 (Conca di Aosta-Pila-Mt. Emilius) Scala 1:25000.
Bibliografia:
L. Zavatta – Le valli del Gran Paradiso e la Valgrisenche - L'Escursionista Editore
brunello-56
16.08.2018
2 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
10 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato