Destrera (Monte)Via Locatelli

Destrera (Monte)Via Locatelli

Dettagli
Altitudine (m)
2300
Dislivello avvicinamento (m)
1200
Sviluppo arrampicata (m)
300
Esposizione
Ovest
Grado massimo
5c
Difficoltà obbligatoria
3

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Pocchiola-Meneghello

Note
Via classica di gran soddisfazione, con alcune lunghezze centrali molto interessanti che superano bellissimi diedri fessurati.
Roccia compatta.
La via è in parte chiodata. Occorre portare una serie di nut e friend, martello e chiodi, 2 corde da 55 m. solo se si scende in doppia su una via moderna.
Avvicinamento
Auto: Cuorgnè, Locana, Rosone, Vallone di Piantonetto.

Si raggiunge il rifugio (non gestito) Pocchiola-Meneghello (m. 2440, 12 posti letto), nel Vallone di Valsoera.
Sono possibili due itinerari per raggiungere il rifugio:
a) partire da San Giacomo di Piantonetto (circa 1300 m. di dislivello). 3 ore dall’auto.
b) partire dalla diga di Teleccio e passare per la Bocchetta di Valsoera, da cui si scende al rifugio. 2 ore, 45 minuti dall’auto.
Dal rifugio, salire alla stazione di arrivo della teleferica AEM e continuare in discesa verso sud-est, portandosi alla base della parete.
Descrizione

La via Locatelli attacca un po’ più a sinistra del centro parte, sopra un’evidente nicchia scura (30 minuti dal rifugio).
L1: attaccare sopra la nicchia, superando un diedro inclinato e solcato da una fessura. Spostarsi quindi a destra di un paio di metri e superare direttamente un breve strapiombo (2 chiodi). Attraversare decisamente a destra su una placca, quindi salire un canale-diedro, fino alla sosta1 (5a).
L2: proseguire verso destra in un canalino con qualche ciuffo erboso, portandosi alla base di un sistema di diedri verticali (4b).
L3: salire un bel diedro fessurato (1 chiodo), quindi girare a destra del fianco del diedro sfruttando delle lame staccate (4c).
L4: si traversa a destra, in leggera discesa, portandosi alla base del gran diedro centrale alto circa 100 metri, percorso dalla via Locatelli-Alberto.
L5: bellissima lunghezza che percorre per 40 metri il gran diedro centrale della parete Ovest (5a sostenuto, alcuni chiodi).
L6: proseguire sulla faccia destra del diedro per alcuni metri (un cuneo rimasto), doppiare lo spigolo e continuare sulla parete in grande esposizione (2 chiodi, 4c), fino ad un discreto punto di sosta alla base di un diedro secondario.
L7: salire il diedro di circa 30 m., solcato da alcune belle fessure da proteggere (2 chiodi, 4b).
L8: proseguire direttamente per un altro diedro nerastro (4b), e continuare per una facile rampa di placche appoggiate, verso destra, fino alla sosta8, in comune con una via moderna (unica sosta a fix).
L9: non salire direttamente, ma spostarsi verso destra, in corrispondenza di un masso staccato. Afferrare una splendida fessura (5c) e salirla in opposizione fino al suo termine. Guadagnare lo spigolo verso destra, quindi, per facili rampe, portarsi alla base dell’ultimo diedro della via.
L10: salire il diedro fessurato in opposizione (5c), proseguire a sinistra e, superati alcuni facili salti, si raggiunge l’ometto di fine via.

Discesa: in doppia su una via moderna, oppure, più velocemente (45 minuti al rifugio), a piedi lungo la via normale (per il passo Destrera, segni rossi e bianchi).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Prima salita: Locatelli-Alberto, 1969
Bibliografia:
Il parco nazionale del Gran Paradiso, Giulio Berutto
3 anni fa
7 anni fa
10 anni fa
12 anni fa
13 anni fa
15 anni fa
17 anni fa
19 anni fa
38 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 2200m 4.5Km

Rifugio Pontese

Webcam 2850m 5.2Km

Ghiacciaio di Chardoney

Webcam
Webcam 1700m 7.9Km

Webcam Punta Cialma

Webcam
Link copiato