Cristalliera (Punta) Torrione Centrale – Via Gay, Ghirardi

Cristalliera (Punta) Torrione Centrale – Via Gay, Ghirardi

Dettagli
Altitudine (m)
2550
Dislivello avvicinamento (m)
450
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Ovest
Grado massimo
6c
Difficoltà obbligatoria
6a
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a0

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Selleries 2023 m

Avvicinamento
risalita la Val Chisone, si giunge a Chambons, poco prima di Fenestrelle, dove una strada in salita sulla destra indica Pra Catinat, Rifugio Selleries. La si percorre fino a dove viene tenuta aperta, ovvero nel periodo invernale fino al centro di soggiorno di Pra Catinat; si prosegue lungo la strada, che poi diventa sterrata, per il Rifugio. A seconda del periodo e delle annate la strada può essere più o meno in buone condizioni, ultimo tratto comunque un po’ sconnesso ma percorribile con auto normali.

Dal rifugio si segue il sentiero 339, che inizia dietro le baite ad nord-est del rifugio. Con un lungo mezza costa nel rado bosco, si entra nel vallone di salita, raggiungendo il Lago Laus, vicino alle omonime bergerie (e casotto del guardiaparco). Si continua costeggiando il lago a sinistra, e poi raggiungendo la conca del lago La Manica, proprio sotto la mole della Cristalliera.
Descrizione

L1 Attaccare il diedro con macchie nerastre per una trentina di metri, quindi attraversare a destra su placca fino a sosta (6a).
L2 Salire la placca sfruttando alcune lame in opposizione, poi per rocce articolate fino a terrazzo alla base di un diedro nerastro (6a+).
L3 Salire il diedro quindi attraversare a sinistra e risalire la parete ben appigliata (6a).
L4 Risalire sulla sinistra un muro verticale ed entrare in una stretta nicchia nerastra (faticoso con zaini), superare uno strapiombo a sinistra ed attraversare a sinistra su ampia cengia fino a raggiungere una scomoda sosta (6b/c).
L5 Prendere il muro verticale e nerastro di 40 metri solcato da una fessura, al cui termine si doppia lo spigolo e si sosta (6b/c).
L6 Risalire a sinistra un diedro-canale fino ad una lama orizzontale tagliente (IV).
L7 Risalire per placche e risalti fino alla sosta da cui attacca la placca Motti (IV).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Prima salita S. Gay, M. Ghirardi 4 Maggio 1967 (in scarponi!).
Riattrezzata a spit da Renzo Luzi, agosto 2017, nel totale rispetto dell'ingaggio originario.
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.3 Val di Susa Val Cenischia Rocciamelone Val Chisone
Bibliografia:
CAI-TCI, G.C. Grassi
attila89
10.07.2020
1 mese fa
1 anno fa
3 anni fa
6 anni fa
8 anni fa
20 anni fa
36 anni fa

Condizioni

Link copiato