Corno Piccolo – II Spalla Antonio Benedetti

Corno Piccolo – II Spalla Antonio Benedetti

Dettagli
Sviluppo arrampicata (m)
320
Esposizione
Ovest
Grado massimo
5c
Difficoltà obbligatoria
5c

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dalla stazione superiore della funivia (con la funivia stessa oppure a piedi seguendo la Cresta dell'Arapietra), seguendo il sentiero per il rifugio Franchetti, si sale in breve ad una biforcazione. A destra inizia il sentiero Ventricini, che traversa lungamente in piano sotto la parete nord del Corno Piccolo. Lo si percorre fino ad attraversare l’ampia conca sottostante la seconda Spalla, risalendo poi ad una sorta di spartiacque roccioso dove inizia un tratto attrezzato con cavi di acciaio. Percorrerlo fino alla prima scaletta. La via attacca poco oltre questa.

Discesa: Lungo il Canale Bonacossa oppure in doppia, fuori via, lungo una serie di calate che parte dalla sommità. Attenzione alla terza calata poco visibile (a sx dietro ad un grande gendarme) sulla cresta sommitale della seconda Spalla verso nord.
Note
Si consiglia vivamente la consultazione di una guida per le relazioni. Portare una serie di friends e nuts
Descrizione

L1: Salire la breve fessura uscendone a sx su un terrazzo erboso
L2: Alzarsi su placca, obliquare a dx, fino ad una nicchia
L3: Obliquare lungamente a sx seguendo una evidente fessura che taglia la placca(diversi ch) fino a sostare sotto ad un grande tetto nei pressi di una scaglia.
L4: procedere in obliquo verso sx risalendo, in seguito, una fessura che più in altro strapiomba. Sosta in una nicchia oltre lo strapiombo
L5: Proseguire per il diedro-fessura che poi diventa canale. Sosta presso un diedro geometrico dove attacca Icosaedro
L6: Salire a sx del camino della Morandi-Consiglio, portarsi quasi sul filo dello spigolo e proseguire per una fessura-scaglia e poi per fesssurine e diedrini fino a sostare al centro di una grande placca inclinata (attenzione, 60mt!)
L7: Proseguire per placchette inclinate fino in cima al canale della Morandi-Consiglio, presso il caratteristico masso arrotondato (a sx del quale, un po’ nascosta, c’è una sosta di calata)
L8: Si scende brevemente nel canale che si traversa scavalcando un costolone, quindi, giunti ad un comodo ripiano, si attacca una larga fessura che dopo circa 20mt sfocia su una netta rampa ove si sosta.
L9-L10: in comune con “due generazioni”. Salire la bella placca (ch) e per un muro leggermente più abbattuto portarsi alla sommità.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
Il chiodo fisso, vie di roccia sul Gran Sasso di Piero Ledda, Ed. il Lupo
elena83
11/08/2014
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 2370m 3.2Km

Monte Aquila P 2.370

Link copiato