Castelluzzo (Punta) o Castellus o Bars d’la Tajola da Bonnet, concatenamento

Castelluzzo (Punta) o Castellus o Bars d’la Tajola da Bonnet, concatenamento

Dettagli
Altitudine (m)
1100
Dislivello avvicinamento (m)
250
Sviluppo arrampicata (m)
220
Esposizione
Sud
Grado massimo
6b
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio
Alberghi Torre Pellice

Avvicinamento
A monte del paese di Torre Pellice prendere a destra la strada per la borgata "Coppieri"; appena oltrepassata la chiesa, svoltare a sinistra e proseguire fino alla borgata "Bonnet".
Lasciare l'auto prima delle case, poi dal centro della borgata, prendere a sinistra il sentiero per la Punta Castelluzzo (indicazioni). Dopo un tratto pianeggiante e alcuni tornanti il sentiero si immette in una strada sterrata .
Seguirla verso destra per un centinaio di metri,poi a sinistra su vecchio sentiero (segni blu).Dopo alcuni minuti si raggiunge altra strada sterrata,attraversarla verso destra,e dopo un breve tratto salire direttamente nel bosco fino a raggiungere un'evidente pietraia che si segue fino al suo termine(ometti).Poi a destra su traccia di sentiero(segni blu),e in breve si raggiunge la base della parete.(40 minuti circa dall'auto).
Per migliori spiegazioni consultare il sito"F.Michelin"
Note
Il concatenamento delle vie del Bars d’la Tayola con il nuovo itinerario aperto sulla Punta Castelluzzo consente di effettuare una bella e varia arrampicata e di raggiungere uno dei migliori punti panoramici della Val Pellice.
Per la bassa quota e l’esposizione a sud, la via è consigliabile specialmente nel tardo autunno o in inverno.

Sulla placche del primo salto, esistono altre 3 vie attrezzate; la più difficile è quella di destra con difficoltà di VI+ e un passo di A0).
Consigliato lasciare lo zaino o direttamente alla macchina o dove inizia il sentiero nel bosco per agevolare le operazioni di recupero dello stesso.
Descrizione

Si superano al centro le belle placche inclinate del primo salto (5b), attaccando in corrispondenza di un’ evidente fessura che sale verso destra.; dalla sommità della placconata si attraversa poi scendendo leggermante a sinistra e ci si porta nel canale alla base del secondo salto.
Si superano due tiri verticali (6a, 6b) dopo i quali si raggiunge un sentiero pianeggiante.
Si segue, il sentiero verso sinistra per circa 150 metri, poi si sale nella pineta fino a sbucare su una pietraia.
Si risale la pietraia poi un breve tratto boscoso e ci si porta alla base della parete sud della punta Castelluzzo dove si svolge la seconda parte dell’itinerario (15 min).
L’attacco della via si trova una cinquantina di metri a sinistra della verticale della vetta, vicino a un grosso larice.
Si sale per quattro tiri spostandosi gradualmente a destra e si raggiunge la vetta sul lato Ovest (6a+, 5c).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Link:
http://digilander.libero.it/fiorenzomichelin
maxgastone
01/01/2019
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
10 anni fa
13 anni fa
17 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato