Capio (Monte) da San Gottardo, anello

Capio (Monte) da San Gottardo, anello

Dettagli
Dislivello (m)
1300
Quota partenza (m)
1340
Quota vetta/quota (m)
2172
Esposizione
Varie
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
nn. 552-550-549-548

Località di partenza Punti d'appoggio
Baita CAI Borgomanero (Alpe Pianello)

Avvicinamento
parcheggio molto grande 800 m prima di San Gottardo.
Note
L'itinerario è classificato di difficoltà EE esclusivamente per un tratto esposto ed attrezzato con corde fisse nel percorso di ritorno (fra Bonda Piatta ed Alpe Sinasecca). Escludendo questo tratto il percorso è interamente di difficoltà E. Un'alternativa più breve è la discesa diretta dal colletto sotto il Capio lungo il ripido canalino della Via delle Creste, passando per il Laghetto Obersivie, (segnavia 549), indicato dal CAI Omegna di difficoltà EE-A e quindi da preferire con percorrenza in salita ed attrezzatura adeguata.
Descrizione

Conviene lasciare l’auto nell’ampia area di sosta prima della fine della strada di San Gottardo, perché l’ultimo parcheggio prima dell’abitato è molto piccolo. In breve di raggiunge la suggestiva frazione di San Gottardo (m 1329), attraversarla ed al bivio seguire il segnavia 552 verso San Giorgio (m 1410). Scendere brevemente ad attraversare il torrente Ronco (o Pianello), ripida risalita fino all’Alpe Rondecca (m 1565), altra breve discesa a guadare l’Ender Wasser e nuova ripida risalita all’Alpe Cevia (m 1659) ed alla Bocchetta di Cevia (o di Rondo) (m 1879). Si perde nuovamente un po’ di quota fino all’Alpe Laghetto (m 1810)e salita continua passando per i ruderi della Miniera di Nichelio, tenendo la sinistra al bivio del passo dei Rossi, fino al colletto ed in altri dieci minuti alla cima del Capio ( m 2172), con croce e libro di vetta. Al rientro dal colletto è possibile la deviazione della Via delle Creste (EE-A), non consigliata in discesa senza adeguata attrezzatura. Riprendere invece la via della salita fino all’Alpe Laghetto. Di qui risalita fino alla Bonda Piatta (m 1910) (di fronte in lontananza i morbidi versanti dell’Alpe Cevia e l’itinerario della salita). Si prosegue lungo il ripido versante erboso, seguito da un traverso molto esposto, attrezzato con corde fisse, per ricongiungersi al segnavia 549 all’Alpe Sinasecca (m 1748). Di qui è possibile rientrare a San Gottaro con il segnavia 550, oppure proseguire fino all’Alpe Pianello (Baita del CAI Borgomanero)(m 1801) e proseguire per il grande sentiero Walser che scende a Rimella da Campello Monti, passando per l’Alpe Selletta e la Posa dei Morti.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
La Cappella della Posa dei Morti, memoria del luogo in cui fino al '500 venivano deposte le salme provenienti da Campello Monti prima della sepoltura al cimitero di Rimella.
pinin
09.11.2013
7 anni fa
8 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 2421m 4.4Km

Cima di Capezzone

Link copiato