Bruncu Nieddu No Potho Reposare

Bruncu Nieddu No Potho Reposare

Dettagli
Altitudine (m)
911
Dislivello avvicinamento (m)
300
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Ovest
Grado massimo
6c+
Difficoltà obbligatoria
6b+

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Dalla fontana Iscandula seguire la sterrata fino ad una curva a gomito, seguire in ripida salita fino ad un quadrivio. Prendere la traccia di sx e procedere fino a che la sterrata diventa ripido sentiero scosceso incontrando i primi bolli rossi e bianchi, raggiungere una grande pietraia e risalirla (a sx si stacca la traccia per le vie Prcek e Ghinavu; proseguire sempre seguendo i bolli costeggiando uno zoccolo molto ripido e per terreno accidentato e ripide pietraie giungere al cospetto della parete sx del Bruncu Nieddu, dove salgono le vie Kundun et cetera. L’avvallamento evidente che si intravede alla loro destra non è la forcella S’agrone mannu; abbandonare il sentiero segnato con segnavia bianchi e rossi diretto al settore sx in corrispondenza di una fettuccia in plastica bianca e rossa su un albero e traversare in quota fino ad una ripida e scoscesa pietraia che si attraversa in lieve discesa, incontrando rari ometti e un cordino segnavia su albero; costeggiando poi le pareti, sempre per terreno ripido ed accidentato, si giunge alla base del settore destro del Bruncu Nieddu. No potho attacca in corrispondenza di una grossa quercia (nome giallo alla base), alcune decine di metri a dx nome giallo ed evidente diedro di S’Iscultone; a sx di no potho fessura con chiodo della via Amore Incondizionato. Stimare circa 1,15/1,30.
Note
6c+ max 6b/+ obb S1+
Le soste sono tutte attrezzate con due fix con anello, la discesa in doppia è possibile da ogni sosta anche con corda singola; necessari 15 rinvii.
Descrizione
  • L1 salire un primo pilastrino mirando ad un’evidente fessura che si supera direttamente (6c) la fessura prosegue più facilmente fino alla scomoda sosta che si guadagna con passo delicato. 30m 6c
  • L2 superare un primo passaggio ostico per andare al primo fix e poi con splendida arrampicata seguire lungamente la fessura nera fino alla sosta. 25m 6b+
  • L3 superare una placca compatta sopra alla sosta, raggiungere un tettino, superarlo e seguire una larga fessura fino a una facile rampa che conduce alla sosta 20m 6c+
  • L4 traversare a sx superare una strozzatura su piccoli appigli e poi per rampe e fessure alla sosta 25m 6b+
  • L5 traversare a sx su placca liscia e compatta, entrare in una sorta di diedrino svasato e prendere una lunga serie di fessure che si seguono fino alla sosta, da raggiungere con passaggio delicato 35m 6c
  • L6 dalla sosta seguire una rampetta verso dx e immettersi in un sistema di lame e fessure che con bella arrampicata portano alla sosta 30m 6a/b
  • L7 superare una strozzatura strapiombante e poi per placche incise da lame e fessure andare alla sosta 6a+
  • L8 obliquare a sx e per placche fessurate con arrampicata via via più facile fino alla sosta di calata a pochi metri dalla cresta vera e propria 25m 5c/6a
Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
La via è stata parzialmente richiodata dall’apritore stesso C. Pibiri a giugno 2020
enricotom
06.07.2020
1 mese fa

Condizioni

Link copiato