Barba Ferrero (Rifugio) da Alagna

Barba Ferrero (Rifugio) da Alagna

Dettagli
Dislivello (m)
900
Quota partenza (m)
1350
Quota vetta/quota (m)
2250
Esposizione
Sud
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
parcheggiare presso il piazzale Wold, oltre all’abitato di Alagna
Note
Abbarbicato sulla sponda destra del torrente Flua, in prossimità del salto di roccia che sostiene l’imponente morena laterale del ghiacciaio Sesia-Locce, il rifugio è un nido d’aquila con vista sulla valle.

Il rifugio è costituito da due edifici di due piani ognuno.
Il piano inferiore con terrazza lastricata è adibito a bar e cucina, mentre il piano superiore ospita l'accogliente sala da pranzo..
Il secondo edificio, un poco più arretrato rispetto al primo è, invece, unicamente destinato a dormitorio con letti a castello e tavolato; gli ambienti possono ospitare al massimo 12 persone.
Poco più a monte di questa costruzione si trova la piazzola per l'atterraggio dell'elicottero.
Il rifugio è equipaggiato con una turbina idroelettrica in grado di fornire energia elettrica "pulita" e riscaldamento ai due edifici.
Descrizione

Imboccata la ripida mulattiera presso la localitä Acqua Bianca, dopo pochi mentri si ü subito di fronte alla spettacolare Cascata del Sesia. Il percorso si porta a quota m 1600 circa, il Rifugio F. Pastore raggiungibile in pochi minuti e per i percorsi della sponda destra del Sesia.
Il sentiero supera l’Alpe Blatte (Zar Blattu) m 1650 e si prosegue in un lariceto e sotto l’Alpe Dshafeiaz (Prato del Porto) si valicano alcuni ruscelli e ci si porta verso una cappelletta dedicata a S. Antonio Abate (statuina in marmo di Carrara scolpita in un laboratorio della città apuana).
La salita ora si fa ripida; su ponticelli si valica il Flua Grobe e il Rio Vigne,si prosegue sulla morena, aggirando un salto di roccia, sopra il quale è posta l’Alpe Vigne Superiore m 2250, con il Rifugio Barba-Ferrero (Ore 2-2.30 dall’Acqua Bianca)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Nato nel 1966 per volontà del Cai di Vercelli con il contributo della famiglia Barba (a memoria di Nino, a lungo Presidente della Sezione Vercelli) e della famiglia Ferrero (a memoria del figlio Luciano, giovane alpinista stroncato da una grave malattia), fu inaugurato 1° settembre 1968. Da allora è il Rifugio Barba Ferrero.
lore84
04.07.2020
1 mese fa
1 anno fa
3 anni fa
6 anni fa

Condizioni

Link copiato