cuccimaira


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: **** / ***** stelle
Condizioni quasi invernali!! Oggi una sorta di prologo del raid del gruppo scialpinistico cai uget Torino diventato più un raduno...
Risaliti alla Comba Emanuel dall'accesso più breve andando verso la Gardetta perchè l'accesso abituale era molto svalangato, parte superiore intonsa e solo noi sull'itinerario. Tracciato il canale con gli sci su bella neve sicura (abbondante in alto) poi tratto a piedi con difficoltà per la tanta neve. L'idea di scendere il nord ci è passata trovandolo un pò carico e ventato e con cornice, scesi sulla via di salita su bellissima neve quasi da 5 stelle, ripellato alla Repiatetta su traccia già presente da gente arrivata dalla colletta Vittorio e poi giù nel vallone dell'Escalon su neve da 5 stelle piene fino sotto al Cobre, poi un pò più pesante ma sempre ben sciabile. Dal parcheggio sopra Viviere contare una decina di minuti di portage per neve a tratti.
Finalmente una gran bella sciata in Val Maira con la bella compagnia di Lino e Germano..
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
attrezzatura :: scialpinistica
Decima gita sociale del gruppo scialpinistico cai uget di Torino. Fatto l'anello risalendo il vallone di San Bernolfo. Ci aspettavamo neve farinosa viste le recenti nevicate e il freddo della mattina invece in salita crosta portante con un velo di farina sopra non male. Discesa: alcuni direttamente nel Vallone dei Dossi (più ripido)il grosso giù nel vallone di Seccia. Qualche piccola variante anche al fondo dei valloni...
Data l'ora tarda (discesa cominciata all'una, eravamo gli ultimi!!) e il sole caldo la neve ne ha un pó risentito comunque bella sciata su neve molliccia da cima a fondo, tre * e mezza meritate.
Tutto intorno sia in salta che in discesa grosse colate valanghive di neve recente.
Quindici partecipanti tutti in vetta, un' altra ventina di persone circa davanti a noi, gente anche nei valloni Barbacana e Lausfer.
Un grazie agli altri bravi capogita e a tutti i partecipanti. Ottimo finale allo Chalet dell'Ischiator a Bagni.

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: da San Bernolfo
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi decido di stare sempre al sole e così finalmente arrivano le 5 stelle!! Partiti per fare la Gioffredo ai Laghi Lausfer vedo la cima un pò pelata quindi si dirotta verso la Malaterra centrale che raggiungo salendo il canalino di destra e breve crestina. Avendo notato un bel canale con traccia scendere dai pressi della Cima sud percorro a piedi la cresta verso quest'ultima fino all'imbocco del canalino posto poco prima della cima. Qui incontro Silvano (ciao!)che lo ha risalito e lo scendiamo insieme: prima parte abbastanza dritta e stretta, breve derapage poi giù dritti su splendido firn sul pianoro sottostante. Decido poi di seguire il socio che intende risalire alla Rocca Negra (effettuata a piedi con ramponi per via della neve prevalentemente dura essendo a nord) e da questa ci infiliamo nel primo ripido canalino SE che parte pochi metri sotto la cima anch'esso abbastanza sostenuto e con magnifica neve trasformata.
Il resto della discesa nel vallone di Barbacana nonostante l'ora già tarda si è mantenuto perfetto e scorrevole fino in fondo.
Rimane dunque invariata la situazione locale, neve bellissima dove esposta al sole, decisamente più dura e irregolare all'ombra.
Oggi a San Bernolfo c'era il mondo, ottimo trattamento al Dahu, con Cioffi che purtroppo ha dovuto fermarsi ai laghi Lausfer
Sciabilità :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Si arriva a seconda dell'auto poco prima o poco dopo l'incrocio con la rotabile da Murenz quota 1450/1500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi fatto l"Ubac con giro ad anello, salita dal Passo e Testa del Vallone poi per cresta sull'Ubac e discesa dalla normale. Molta gente in giro, nessuno qui.
Salita in sci fino alla base del canalino oltre il Passo del Vallone quota 2830 poi messo i ramponi e risalito il breve canale inizialmente su bella neve parte alta invece molto dura, per non cambiare assetto ho continuato cosi traversando in leggera discesa verso il catino nord dell'Ubac poi colletto dove arriva la diretta ESE (che mi e' parsa in ottime condizioni, bella neve trasformata no rigole no passaggi) poi ultima rampa in farina pressata fino in vetta.
Sosta in punta allietata dalla diretta di due sciatori che scendevano il canale nord del Tenibres sotto la vetta probabilmente passati dal Passo del Vallone.
Discesa: la neve sul lato francese e' molto bella ma la prima parte e' aerea e un po stretta lungo la cresta con passaggi obbligati poi si va giu sul dritto e infine lungo traverso (breve tratto scoperto, un altro lo sarà a breve) fino al Colle della Lausa che si raggiunge con breve risalita a scaletta o piedi.
Il tratto dal Passo fino al fondo del Vallone è molto irregolare perché rovinato dal vento, tratti belli in farina pressata e altri un po più vetrati, giunti sul fondo piacere puro fino all'auto, neve molto bella che tiene bene anche ad ora tarda e anche in basso. Si arriva a pochi minuti dall'auto.
Giustamente quasi tutti sono andati sui pendii assolati a cominciare dal Panieris e di conseguenza molti dei canali verso Las Blancias, Vallonetto, Vens erano solcati.
Anche il Becco Alto del Piz è in condizione, c'è neve fino alle roccette sotto la cima.
Giornata magnifica.
A Pietraporzio strada per Pian Regina ancora chiusa con divieto appena passato il paese (telecamera e display luminoso...peccato..)
Sciabilità :: **** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Gran gitona e grande ambiente! Come già ben recensito da MAX 64 che saluto aggiungo qualche notizia dal bivio del Laris in poi.
La neve su questo itinerario si presenta un pò più lavorata dal vento quindi un pò meno uniforme comunque sempre ben sciabile scegliendo i posti giusti (diciamo 3 stelle abbondanti). Il canalino nord è fattibile con gli sci (lo dico perchè i due ragazzi di Cuneo che sono scesi con me saltavano come grilli) in realtà per i comuni mortali presenta una parte centrale breve ma stretta per via di alcune roccette affioranti e pure gelata quindi da fare con molta attenzione...
La pala sommitale è fattibile con gli sci purtroppo però non è collegata con l'ingresso del canale per mancanza di neve quindi non so se consigliare il portage fino in punta... arrivato solitario fino in cima al canalino mi trovo improvvisamente di fronte 30 giovani del Cai Milano SA2 saliti da San Bernolfo, complimenti per la scelta!!
In giro l'innevamento è buono, sono ancora ben innevate la Cima Sud d'Ischiator (fino al colletto), Gioffredo, Collalunga e Autaret, ecc purtroppo però la strada è ancora chiusa a Strepeis quindi lungo spostamento su strada solo in parte innevata. Da San Bernolfo in su ottimo innevamento. Canalino sud del Corborant troppo magro non fattibile in sci i ragazzi di Milano scendevano legati.
Un grande saluto ai miei diversi compagni di gita, i due ragazzi incontrati in vetta con cui ho condiviso tutta la discesa e il gruppo di MAX 64 col quale ho condiviso parte della salita e della discesa e grazie a loro sono arrivato all'auto senza togliere gli sci!!!

Sciabilità :: *** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza da Saretto diga, la strada bassa per il vallone Pausa è ancora ben innevata tranne un tratto scoperto, poi neve scarsa ma sufficiente fino all'imbocco del vallone alto dove sorgono le Grange. Da qui in su neve più abbondante , meno sul versante bivacco Sartori comunque ancora più che sufficiente. Dal colle salita in sci dal crestone (neve dura) discesa in parte sul crestone (in alto) in parte sul versante nord su farina pressata dal vento mista a neve dura.
Poi neve fresca molliccia ma ben sciabile fino a Grange Pausa, parte bassa molto al limite ma ancora divertente simil toboga, se continua cosi non durerà più molto...con la Pat.
Molta gente sul percorso, alcuni hanno tracciato il pendio canale direzione Pointe de la Reculaye..
Sciabilità :: *** / ***** stelle
attrezzatura :: snowboard
Oggi bella sciata in questo canalone anche se non ancora su perfetto firn , la neve scendendo dopo le 11 aveva mollato il giusto ma i molti passaggi precedenti hanno creato diversi pistoni di discesa che soprattutto in basso dove lo spazio e' stretto si é obbligati a seguire.
La gita è agli sgoccioli e sono giá diversi i tratti senza neve specialmente sulla strada ma anche piu in alto, comunque per qualche giorno é ancora consigliata. Con Niki.
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
Bella mattinata sugli sci, molto caldo in salita ma la neve ha mollato poco forse a causa di una leggera brezza.Occorre stare molto a sinistra salendo nella parte mediana perché sulla via classica comincia a mancare la neve.
Due stelle e mezza sarebbe più corretto ma comunque la neve bella è un altra cosa... é molto irregolare tra vecchi passaggi e lievi sastrugi da vento...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Fatto giro un pò diverso ma inserisco qui siccome la zona si presta a molte varianti tutte vicine tra loro.
Partito dal grande parcheggio sulla curva dove arriva il sentiero del Vallon de Paganin (520 m) sono risalito tutto su asfalto fino al Lago delle Mesches nel vallone di Casterino 1380 m dove parte il bel sentiero a mezzacosta che ritorna indietro e, toccando le graziose grange Cioto prima e Gauron poi arriva al monte Bonsapel 1343 m molto panoramico sulla catena Marguareis-Saccarello-Marta. Tenere presente che questo tratto dopo la balise 236 comporta una discesa e quindi una perdita di dislivello di almeno 100 m. La discesa successiva su Granile prima e Bergue superiore poi è molto conosciuta in zona e rappresenta la parte più tecnica del mio itinerario, soprattutto il tratto Granile-Bergue è molto tecnico con tornantini e tratti rocciosi e un breve tratto su roccia che mi ha dato filo da torcere per superarlo in sella...
Giunto a Bergue sup. per strada prima asfaltata poi sterrata sono risalito a Bergue Inf (che è più in alto!!) e poi nel Vallon de la Céva fino a poco oltre le Grange d'Amatte, come da relazione, in corrispondenza della balise 215 dove si smette di pedalare e, a spinta o in portage, si risale fino al Col de Tate 1450 m. In questo tratto, rispetto la scorsa volta, un mini escavatore ha creato un tracciato trattorabile a tratti molto ripido che continua oltre il colle e pare giunga fino a un ripiano sotto la Cime de la Nauque in località Bas Coulettas dove ho visto un prefabbricato. Dal colle de Tate sono ancora risalito fino in cima alla vicina Cime de Corvo 1525 m molto panoramica e quindi consigliata, bella anche da scendere in bici. La discesa l'ho effettuata sulla diretta su Bergue Inf passando dalle dirute Granges de l'Ubac, alla balise 213 ho preso a sin arrivando direttamente (l'ultimo tratto con qualche difficoltà perchè ho perso il sentiero)sulla asfaltata nei pressi del ponte. Si tratta di una bella discesa tutta nel bosco, oggi con tante foglie, ricca di tornanti mai difficile direi un BC/BC+. Dalla strada subito a sin si risale brevemente in direzione di una grande stalla (Balise 211) fino a intercettare il sentiero che scende dal pas de la Tranchée che permette di arrivare a Bergue sup senza percorrere l'asfalto (anche qui a un certo punto ho perso il sentiero poco marcato ma che ho poi ritrovato poco più in alto, zona con parecchia vegetazione arbustiva). Da Bergue sup. entrando dentro il paese si prende il sentiero che con bel percorso discretamente tecnico e ripida scalinata finale conduce direttamente all'auto. Oggi bel tepore al sole ma parecchio freddo nelle zone in ombra, qui l'effetto favonico del fohen non si è fatto sentire..Qualche chiazza di neve non fastidiosa nel traverso tra les mesches e grange cioto. Dislivello totale circa 1700 m.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Oggi sulle orme di Pierriccardo....ridimensionando un pò il giro!! Partito nelle vicinanze della condotta forzata dell'Enel dopo borgata Fedio di Demonte (948m, diramazione verso destra dalla strada per San Giacomo) ho seguito il percorso dell'Ippovia che attraverso stradine e sentieri toccando le frazioni Salerin, Vanet e Case Ronvello conduce sulla sterrata del Colle dell'Ortiga a quota 1074 m che si segue appunto fino al citato colle con lungo percorso immerso nelle faggete e nelle abetine. Solo al Colle dell'Ortiga 1774 m si esce dal bosco e si può godere del bel panorama sulla pianura e le cime circostanti. Fino qua poca neve, giusto nelle ultime rampette non coperte dal bosco, poi si incontra un breve tratto innevato dall'Ortiga alla quota 1837 prima di Rocca Radevil (molto caratteristica e aguzza, molto affollata di escursionisti) da qui dopo una rampetta da fare a piedi comincia un lungo traverso quasi interamente pedalabile che finisce però contro una pietraia sotto Rocca Pergo Piccola, bici a spalle e via a seguire gli ometti che indicano bene la via, finita la pietraia il sentierino si perde un pò ma occorre stare alti sotto le paretine rocciose dopo le quale si ritrova l'evidente sentiero che sempre in traverso porta prima al colle e poi in Cima al Monte Prat Pian 2197 m, quest'ultimo pezzo di cresta di nuovo nella neve (comunque sempre poca che non crea problemi).
In discesa,invece, siccome il tratto di sentiero/traccia che oltre il vicinissimo passo della Magnana 2191 m (nessun cartello) scende sulla dorsale e poi verso Gias del Saut era bianco di neve ho preferito continuare sulla dorsale verso il Monte Grum ( la cui parte alta oggi non era in condizioni per la bike..)oltrepassando la zona innevata per poi scendere a sinistra per prati puntando al vallone principale che scende dal Grum decisamente più pulito. Ancora un pò di neve nel sentiero a mezzacosta tra il Gias del Saut e il colletto sotto Rocca la Croce 1878 m (in alcuni tratti decisamente pietroso ma bello)poi "campa giù" su belle pendenze fino a Trinità.
Per fortuna le condizioni rispetto il 2007 sono cambiate e la discesa si presenta oggi quasi tutta percorribile in sella nonostante non manchino le difficoltà in parte dovuto al ripristino del sentiero dopo che grosse valanghe lo avevano cancellato nella sua parte medio-bassa. Il sentiero almeno in questa stagione è stato sempre abbastanza evidente ma non vi sono indicazioni neanche al colletto di partenza, solo rade e scolorite tacche rosse ogni tanto. La parte alta è più scorrevole con bel percorso sinuoso e ampi tornanti, alcune guglie calcaree fanno capolino ogni tanto tra i radi faggi poi la storia cambia, il percorso si fa tortuoso con un fondo molto smosso (non solo di pietre ma soprattutto di terra) dovuto al ribaltamento della teppa durante i lavori di ripristino del sentiero nella zona valanghiva, non mancano bei passaggi tecnici su rocce/roccette, curve da affrontare in nose, due/tre brevi passaggi tra l'NC e l'EC (una piccola scalinata in pietra bella dritta e un gradone su roccia che si riesce a superare stando bassi sulla sin.... poi finale di nuovo più tranquillo..insomma una bella discesa!
La parte più brutta rimangono quei tre km di asfalto per tornare alla macchina, ma a parte lo sterratone sul versante opposto non ho trovato alternative, comunque sempre meglio che fare asfalto fino a Gaiola!! Ciao Pier!

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Oserot (Monte) da Chialvetta (27/04/19)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Seccia (13/04/19)
    Malaterra (Cima Centrale di) da San Bernolfo (31/03/19)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (24/03/19)
    Corborant (Cima di) da Besmorello (17/03/19)
    Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da Saretto per il Colle Sautron (09/03/19)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Preit (03/03/19)
    Orel (Rocca d') e Monte Pianard da Palanfrè (24/02/19)
    Tranchée (Pas de la) da Saint Dalmas de Tende, giro per Granile, Bergue, Col de Tate (13/01/19)
    Ortica (Colle dell') da Gaiola, giro per il Passo di Magnana e Trinità (06/01/19)
    Cornet (Monte) da San Damiano Macra, giro per i colli Birrone, Melle, Ciabra (02/01/19)
    Peitagù (Testa di) da Aisone, giro per il sentiero P64b (30/12/18)
    Costabella (Passo di) da Valdieri, giro per Comba dell'Infernetto ed Entracque (28/12/18)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (24/12/18)
    Grammondo (Monte) da Menton, giro (03/11/18)
    Ghiacciai del Gelas (Passo dei) da San Giacomo, giro (21/10/18)
    Finestra (Colle di) da San Giacomo (21/10/18)
    Pagarì (Rifugio) da San Giacomo (13/10/18)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo, giro con discesa dal Vallone dei Dossi (01/10/18)
    Mortice (la) da Les Prats, anello per Paneyron con discesa per Vallon de Serenne (29/09/18)
    Rossa della Grivola (Punta) da Valnontey per il Colle della Rossa (24/09/18)
    Fremamorta (Cima di) da Terme di Valdieri, giro per Vallone di Valasco e Gias delle Mosche (23/09/18)
    Baral (Bec) da Vernante, giro per il Monte Vecchio (17/09/18)
    Grum (Monte) da San Giacomo (01/04/18)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (31/03/18)
    Arpet (Monte) canale N (11/02/18)
    Soubeyran (Monte) o Tete de l'Alp da Saretto (23/12/17)
    Peroni (Rocca) da Chialvetta per il Canale Nord (21/12/17)
    San Bernardo (Monte) da Roccabruna, giro (19/11/17)
    Valmiana (Colle di) da Sant'Anna, giro del Monte Matto (28/10/17)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Sant'Anna per il Vallone Varaita di Rui e il Passo Mongioia (22/10/17)
    Ramiere (Punta) da Thures per il Colle della Ramiere (15/10/17)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (07/10/17)
    Vers (Colle di) e la Colletta da Sant'Anna, giro del Monte Faraut (30/09/17)
    Aval (Pointe d') da Grande Sarenne, anello per Fouillouse, Pas de la Culetta, Refuge de Chambeyron (22/09/17)
    Paur (Colletto Est della) da Sant'Anna, giro del Monte Matto (17/09/17)
    Nona (Becca di) da Pila (25/08/17)
    Grande Sassière (Aiguille de la) dalla Diga di le Saut (18/08/17)
    Chersogno (Monte) da Elva, giro (14/08/17)
    Auto Vallonasso Canale Ovest (13/05/17)
    Oserot (Monte) canale N (07/05/17)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da Chialvetta (08/04/17)
    Bellino (Monte) da Chiappera (18/03/17)
    Teste (Punta le) Diretta Versante Est (15/03/17)
    Giobert (Monte) anticima Nord quota 2413 da Pian Preit (05/03/17)
    Creusa Occidentale (Monte) Traversata Limonetto - Tetti Folchi (14/01/17)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte per la dorsale NO (31/12/16)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (18/12/16)
    Missun o Missoun (Cima) da la Brigue, discesa per il vallon de Cravirola (09/12/16)
    Marta (Cima e Balcone di) da la Brigue, giro per Col Linaire, Baisse de Sanson, Cretè Rionard, Baisse de Gereon (04/12/16)
    Bertrand (Col) da Saint Dalmas de Tende, giro per Baisse Sanson, Passo Incisa, Colle Muratone, Saorge (27/11/16)
    Saline (Cima delle) da Rastello, anello (19/11/16)
    Signori (Colle dei) e Colle Selle Vecchie dal Colle di Tenda, giro delle Carsene e Vallon du Refrei (13/11/16)
    Saccarello (Monte) da la Brigue per Col Linaire, Baisse de Sanson, Passo Tanarello (06/11/16)
    Bussaia (Monte) da Vernante, con discesa diretta (01/11/16)
    Festa (Monte) e Costa Chiggia da Stroppo, giro per Colle Encucetta e Colle Intersile (09/10/16)
    Trinceramenti (Passo dei) da Bar Cenisio, tour del Giusalet per Col Clapier e Rifugio Avanzà (08/10/16)
    Chaberton (Monte) da Fenils, giro per Claviere ITINERARIO NON PERCORRIBILE (02/10/16)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (15/05/16)
    Oronaye (Monte) da Chialvetta e il canale sud di sinistra (via normale) (25/04/16)
    Cialancion (Tète de) Canale Est (10/04/16)
    Maniglia (Monte) da Chiappera (10/04/16)
    Chersogno (Monte) Diretta Canalone SE (26/03/16)
    Cassin (Bric) Canale NO+variante canalino N (10/03/16)
    Colla Piana (Cima di) e Punta Mirauda da Limonte Piemonte, giro per la Costa Testette (06/02/16)
    Garbella (Colle della) da Vernante, giro per Caire di Porcera (24/01/16)
    Sapè (Monte) e Monte Balur da Roaschia, giro (10/01/16)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (06/01/16)
    Ciotto Mieu (Colle) da Vernante (27/12/15)
    Luca (Colle di) da Sampeyre, giro per Colle del del Prete, Pian Munè, Colle di Gilba (20/12/15)
    Cugulet (Monte) da Macra, giro (12/12/15)
    Costa Rossa (bric) giro da Limone per il Passo Ceresole (06/12/15)
    Rastcias (Colle) da San Damiano per il Cammino della Montagna (28/11/15)
    Pepino (Cima di) da Limone Piemonte per il Col di Tenda e Colle della Perla (21/11/15)
    Pepino (Cima di) da Limone Piemonte per il Col di Tenda e Colle della Perla (15/11/15)
    Duca (Passo del) da Pian delle Gorre, giro per il Rifugio Garelli (08/11/15)
    Pellerina (Cima) da Vigna anello per Cima Cars, Mascarone, vallone Madonna (01/11/15)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte, giro (24/10/15)
    Vecchio (Monte) da Vernante a Limone per la Croce di Baral e Colle Arpiola (17/10/15)
    Duca (Passo del) dalla Certosa di Pesio (11/10/15)
    Penna di Sumbra (Monte) e Monte Fiocca da Arni, anello (12/09/15)
    Content (Bric) da Chialvetta (30/12/14)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (29/12/14)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (26/12/14)
    Chialmo (Monte) e Punta del Mezzogiorno anello da Monterosso Grana per Colle Margherita, Colle del Gerbido, Balmarossa (23/11/14)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (08/11/14)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (08/11/14)
    Peitagù (Testa di) da Demonte, giro per Aisone (02/11/14)
    Autes (Monte) e Varirosa da Vinadio, giro per il Colle Neirassa (02/11/14)
    Valasco (Colletto del) da Terme di Valdieri, anello per i Laghi di Fremamorta e Valscura (25/10/14)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Preit (03/05/14)
    Homme (Tete de l') canale SE di sinistra (13/04/14)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave Canale N (29/03/14)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (02/03/14)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (11/01/14)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano per il canalone NO (29/12/13)
    Bert (Monte) Canale N (21/12/13)
    Boscasso (Bric) da Preit per il Vallone Cassin (14/12/13)
    Nebin (Monte) da Morinesio (01/12/13)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (24/11/13)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (09/11/13)
    Rui (Colle di) da Acceglio, giro (09/11/13)
    Tesina (Passo) da Vinadio, giro per Sant'Anna e Bagni di Vinadio (03/11/13)
    Rocca Brancia (Passo) da Pietraporzio, giro Colle Salsas Blancias, Rifugio Gardetta, Grange Serre (26/10/13)
    Bersaio (Monte) da Sambuco per Colle Salsas Blancias e Piconiera, discesa Vallone Bandia (26/10/13)
    Scolettas Sottano (Passo di) da Pietraporzio, anello Vallone del Piz - Prati del Vallone (19/10/13)
    Stau (Colle di) Da Villaggio Primavera (19/10/13)
    Rimà (Testa) anello da Aisone per il Vallone della Valletta (13/10/13)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Preit (25/04/13)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (23/03/13)
    Viraysse (Monte), Cima delle Manse, Monte Soubeyran da Saretto, anello per il Colle Sautron (10/03/13)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (02/03/13)
    Freid (Monte) Canale E (16/02/13)
    Ciarbonet (Cima) Canale Sud - la Scala a Chiocciola (10/02/13)
    Arpet (Monte) canale N (06/01/13)
    Cairi (Rocca di) da Preit (30/12/12)
    San Bernardo (Monte) da Roccabruna, giro (24/11/12)
    San Bernardo (Monte) da Roccabruna, giro (24/11/12)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (17/11/12)
    Grammondo o Gramondo (Monte) da Calvo, giro Val Roya - Val Bevera (02/11/12)
    Esischie, Fauniera, Bandia, Margherina (Colli) da Canosio, giro di Rocca la Meja (15/08/12)
    Soubeyran (Monte) da Saretto, giro per i Passi della Cavalla e Munie e Lago Visaisa (12/08/12)
    Agnel (Cima dell') Canale N (02/06/12)
    Scaletta (Monte) Canale N (28/04/12)
    Peroni (Rocca) da Chialvetta per il Canale Nord (25/04/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (01/04/12)
    Feuillas (Monte, cima SE) e Col d'Enclausette de l'Oronaye O Canali Nord (11/03/12)
    Cassin (Bric) Canale NO+variante canalino N (10/03/12)
    Barsin (Aiguille de) Canale N (03/03/12)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (04/02/12)
    Cobre cima Sud canale SE (21/01/12)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (17/12/11)
    Marchisa (Rocca la) da Lausetto (04/12/11)
    Oserot (Monte) da Chialvetta (27/11/11)
    Buch (Monte) da Stroppo, giro (01/11/11)
    San Bernardo (Monte) da Villar San Costanzo, diretta (30/10/11)
    Corsica (Punta) da Castello per il versante Sud (26/03/11)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (19/03/11)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano per il canalone NO (06/03/11)
    Croce Orientale (Passo la) q. 2646 m Anello da Chialvetta (27/02/11)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Preit (12/02/11)
    Camoscere (Monte) da Chiosso Superiore (24/01/11)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (23/01/11)
    Nebin (Monte) da Cucchiales (15/01/11)
    Sarsassi (Punta) da Campiglione (09/01/11)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano per il canalone NO (17/12/99)