Salvin (Rifugio) da Lanzo, giro per il Passo della Forchetta e sentiero 403

difficoltà: MC+ / BC / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 470
quota vetta/quota massima (m): 1630
dislivello salita totale (m): 1300
lunghezza (km): 35
disl. da portare (m): 30

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: lucabelloni
ultima revisione: 02/11/17

località partenza: Lanzo Torinese (Lanzo Torinese , TO )

cartografia: carta Fraternali 1:25.000 - numero 9

descrizione itinerario:
Dalla Stazione di Lanzo salire su asfalto a Monastero e proseguire verso Chiaves fino alla Cappella di San Grato. Qui, si abbandona la strada principale e si svolta a destra seguendo le indicazioni per il Rifugio Salvin. La strada alterna tratti in asfalto ad altri sterrati e presenta numerosi strappi abbastanza duri intervallati da tratti in cui spiana e dove si può rifiatare. Si passa di fianco al suggestivo Santuario di Marsaglia da dove in breve, dopo un’ultima rampa decisamente impegnativa, si giunge al Rifugio Salvin. Sopra il Rifugio parte una sterrata che con diversi saliscendi termina al Colle della Forchetta, dove termina la salita.
Da qui si imbocca il sentiero 3R, abbastanza facile e interamente ciclabile, che in breve porta al Colle San Giacomo. Si svolta a sinistra seguendo per pochi metri la strada sterrata, poi la si abbandona prendendo il sentiero che parte sulla sinistra (indicazioni 3R e 403) e che, dopo aver incrociato ancora una volta l’asfalto, termina su una sterrata. Da qui si tralascia il sentiero che scende verso Mecca e si segue la sterrata sulla destra, giungendo in breve su una strada asfaltata all’altezza di un tornante. Si prosegue in discesa fino alla frazione Curchiatto. Superate le case, in corrispondenza di un pilone votivo, si svolta ancora a sinistra e in breve si arriva a Fornelli (qui poco sopra la frazione il sentiero si perde un po’ ma si può scendere per prati. Da Fornelli il sentiero continua, sempre molto divertente e con solo qualche breve tratto impegnativo, giungendo a Monastero. All’altezza della chiesa si svolta a destra, si oltrepassa il cimitero e da qui si prende il bellissimo sentiero (recentemente risistemato) che, con parecchi saliscendi nella parte iniziale e solo qualche breve tratto poco ciclabile, dopo aver superato le frazioni di Stabio e Ovairo, termina alle porte di Lanzo. Tuttavia, si possono ancora fare alcuni tagli che consentono di evitare quasi del tutto l’asfalto fino alla stazione.