Viraysse (Tete de ) da Larche, giro della Meyna per il Col de Portiolette

sentiero tipo,n°,segnavia: Gr5-56, Giallo/rosso del Tour du Chambeyron, Segno giallo
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1750
quota vetta/quota massima (m): 2772
dislivello salita totale (m): 1300

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Giada
ultima revisione: 27/10/15

località partenza: Larche (Larche , 04 )

punti appoggio: Gite Auberge Lauzanier a Larche - Rifgio della Pace al Colle della Maddalena

cartografia: IGN 1:25.000 3538 ET Aiguille de Chambeyron

accesso:
Giunti a Larche dal Colle della Maddalena, si passa il pontino e si gira a destra, palina per il Col Sautron, la strada passate le case diventa sterrata ed arriva fino ad una presa dell'acqua. La strada è bella e c'è parcheggio e possibilità di girare dove si arriva m.1750.

note tecniche:
Bel giro ad anello che contorna la Tete de Viraysse e La splendida Meyna girandogli intorno su tutti i lati, tra splendidi paesaggi di alta quota con il contrasto tra tibetani altipiani prativi, selvaggi valloni pietrosi e slanciate guglie, con una immersione nella storia militare della zona altamente fortificata. Giro dallo sviluppo abbastanza lungo, in una zona poco frequentata nella parte centrale. Ciliegina sulla torta la salita al nido d'aquila della Tete de Viraysse.

descrizione itinerario:
Dalla presa dell'acqua/serbatoio a quota m.1750 circa, a monte del piazzale, sulla sinistra parte il sentiero, palina con le indicazioni, seguire il sentiero lasciando a sinistra i bivi per il Col de Mallemort, GR5-56, da dove scenderemo e tenere sempre la destra inoltrandosi nel vallone del Rio de La Rouchose, passando una presa dell'acqua e le paline illustrative della storia della seconda guerra. Si lascia poi a destra il bivio per il Col de La Gipiere de L'Oronaye e l'altopiano prativo de La Montagnette, palina, e si prosegue in salita a sinistra. Si arriva ad un grosso ometto dove la vista si apre sull'aspro altipiano ornato da ardite guglie, tra la Tete de Viraysse e La Meyna a sinistra e la cresta che da La Cime de La Coste du Col culmina sul Monte Sautron a destra, mentre a destra abbiamo il vasto altopiano erboso verso il Col de La Gipiere de L'Oronaye e il Colle delle Munie, per i francesi Col De Monges, e La Cabane de Viraysse. Si passa il Lac de Viraysse ed altri due laghetti, nei pressi dei quali si lascia il sentiero per il Col Sautron a destra e si devia a sinistra per un costone tra erba e pietre, traccia, fino ad innestarci sul sentiero che proviene dal Col Sautron, segnavia del Tour du Chambeyron, e va verso il Col de La Portiolette. Lo si segue verso sinistra fino al Col De La Portiolette m. 2692, dal colle si scende sull'altro versante aggirando a nord la Meyna, su sentiero ripido e traccia, recenti frane hanno portato via parte del sentiero, si scende nel vallone du Vallonnet - Pinet. Senza scendere sul sentiero basso del Vallonnet, a quota m. 2470 circa, si trova a sinistra una traccia/sentiero, segnavia giallo, che più o meno rimanendo in quota taglia il fianco ovest della Meyna per arrivare ai Baraquements de Viraysse m.2503 dove arriva una strada sterrata da St-Ours. Si prosegue a lato delle vecchie caserme, aperte, sulla mulattiera che sale al Col de Mallemort m.2558. Dal colle si prosegue a sinistra sulla mulattiera, tagliole, fino alla panoramicissima Tete de Viraysse m. 2772 che ospita il vecchio forte della Batterie de Viraysse che domina la valle, un vero impressionante Nido d'Aquila. Imponente e meravigliosa la Meyna vista da qua. Il bel forte al momento è chiuso, la vista da qui è meravigliosa su un paesaggio mozzafiato.
Si ridiscende al Col de Mallemort e si scende a sinistra verso sud sul bel Plateau de Mallemort col sentiero GR5-56, fino ad arrivare sul sentiero salito all'andata e chiudere l'anello scendendo a destra fino al parcheggio dalla presa dell'acqua. Poco sopra e a destra del bivio vi è un memoriale della seconda guerra mondiale con le bandiere.