Ventasuso (Monte) da le Pontet

Ventasuso (Monte) da le Pontet

Dettagli
Dislivello (m)
722
Quota partenza (m)
1990
Quota vetta/quota (m)
2712
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Questa probabilmente non é la via normale al Monte Ventasuso e si svolge per la maggior parte fuori sentiero. Il Ventasuso é una delle cime lungo la cresta spartiacque tra i Valloni del Lauzanier e del Puriac, che parte dall'Enchastraye, passa per la Tete Pe de Jun e si spegne al Colle della Maddalena.
F se si torna lungo la cresta.
Descrizione

Dall’area di parcheggio dopo il Colle della Maddalena, prendere il sentiero diretto al Lago del Lauzanier. Pochi minuti dopo avere oltrepassato la Cabane des Eyssalps, si abbandona la larga mulattiera e si scende verso il torrente attraversando una passarella di legno.
Da qui la traccia si perde; si risale la china erbosa prendendo come riferimento la grossa frana: la traccia passa proprio sopra questa frana e si dirige con un lungo traversone alla Cabane du Prayer (2240 m).
La zona é frequentata da camosci, vuoi per il fatto che l’area faccia parte del Parc du Mercantour, vuoi per il fatto che qui passi ben poca gente… dalla Cabane, svoltare decisamente verso Est, scegliere a propria discrezione uno dei pendii erbosi e risalirlo alla bell’e meglio fino alla cresta (faticoso!!!). Sullo spartiacque, si ritrovano delle tacche verdi esagonali che seguono fedelemente (e integralmente) la cresta. A destra ci sono l’Enchastraye e la Tete Pe de Jun, a sinistra, dove ci dirigiamo, si passa l’Enclausetta (2680, ricovero in rovina) e si arriva in 15 minuti al Ventasuso (2712, grosso ometto, 3h).
La vista é circolare e si spinge fino alla lontana Barre des Ecrins. Ritorno: c’è la possibilità di rientrare via cresta al Colle della Maddalena, compiendo in questo modo un intressante giro ad anello: basta seguire fedelmente i bolli verdi.
Gli unici problemi sono: la cresta che si restinge sempre di più e diventa “ariosa” tra il Ventasuso ed il seguente dosso senza nome a quota 2550 (tratto F, poi EE), prima del Colle Ventasuso; i continui sali-scendi “sega-gambe”; l’ultima ripidissima discesa nel bosco, prima della lapide “Beppino Nasetta” (2111 m), dove si perdono le tacche verdi (e si ritrovano più avanti).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC - 1:50.000 Valli Maira - Grana – Stura
gulliver
26/06/2013
7 anni fa
9 anni fa
15 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1760m 5.8Km

Larche

Stazione Meteo 1680m 6.4Km

Argentera

Stazione Meteo
Webcam 2308m 8.8Km

Argentera – Andelplan

Webcam
Link copiato