Dome de la Lauze Via Normale dal Refuge Chancel per il Glacier de la Girose

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2416
quota vetta (m): 3568
dislivello complessivo (m): 1152

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 28/06/15

località partenza: La Grave (La Grave , 05 )

punti appoggio: Refuge Evariste Chancel http://www.refuge-chancel.com/ tel. 0033-4-76799232

cartografia: IGN foglio 3436 ET – Mejie e Pelvoux – scala 1:25000

accesso:
Tramite il Colle del Monginevo si svalica in Francia a Briançon. Da qui, al primo bivio, occorre svoltare a destra per imboccare la D1091 (indicazioni per il Col de Lautaret e Col de Galibier). Si raggiunge il Col du Lautaret e si scende sulla sinistra, sempre lungo la D1091, superando il villaggio di Villar d’Arène per raggiungere infine La Grave . Ampio parcheggio nei pressi della cabinovia (Telepherique des Glaciers de la Mejie).

note tecniche:
il Dome de la Lauze è una montagna che presenta una facile ascensione, che si svolge dapprima su sentiero, pietrame, nevai ed infine su ghiacciaio generalmente poco crepacciato. Il tratto di salita che si svolge sul Glacier de la Girose è facile e spesso si trova un’ampia pista però è bene procedere legati in cordata, in quanto nella parte alta a volte si trovano alcuni crepacci nascosti e insidiosi da superare. Naturalmente è possibile anche usufruire degli impianti di risalita (Telepherique des Glaciers de la Mejie) per raggiungere il Col des Ruillans in cabinovia e accorciare di molto la salita, ma è sconsigliabile, in quanto si perde l’opportunità di scoprire e risalire il Vallon de Chancel davvero selvaggio e ancora integro.
In discesa, volendo accorciare i tempi di percorrenza si può utilizzare la cabinovia. Si utilizza invece la cabinovia fino al termine del primo troncone (Gare de Peyrou d’Amont m. 2416), utile per la salita al Refuge Chancel il primo giorno.
Il Refuge Chancel è aperto e gestito da metà giugno a metà settembre. Infine una nota logistica, la prima corsa delle cabinovia da La Grave è alle 8,30, mentre l’ultima corsa in discesa dal Col des Ruillans è alle 17,00.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio della Telepherique de la Mejie a La Grave si sale con la cabinovia al primo troncone, scendendo qui (Gare de Peyrou d’Amont 2416 m), mentre con un secondo tronco si raggiunge la stazione di arrivo al Col des Ruillans a quota 3211 m. Usciti dalla dalla stazione della cabinovia si segue un sentiero (cartello indicatore per il Refuge Chancel) che scende per un breve tratto per aggirare la parte iniziale di una bastionata rocciosa raggiungendo un bivio, dove si volge a sinistra (altro cartello indicatore) e si sale quasi sempre a mezzacosta, poi un tratto in leggera discesa porta alla splendida conca dove si trova il bel Lago de Puy de Vacher 2382 m dove precipita anche una bastionata rocciosa che scende a picco dal soprastante Vallon de Chancel. Il Rifugio Chancel è da qui ben visibile, con una serie di serpentine il sentiero risale le chine erbose e detritiche che conducono infine al bel poggio erboso dove è ubicato il Refuge Chancel 2506 m (1 h dalla stazione di Peyrou d’Amont). Dal rifugio si ridiscende per pochi metri, fino ad un bivio, dove si deve imboccare il sentiero di destra che risale il Vallon de Chancel compreso tra le due costiere rocciose del Peyrou d’Amont a sinistra e il Peyrou d’Aval a destra, il sentiero è ben indicato da segni rossi e ometti, risale una prima rampa sotto una bastionata rocciosa poi si porta a sinistra, risalendo alcuni valloncelli in vista della Breche de Pacave 2836 m (che non si raggiunge), che permette il collegamento con il Vallon de Ruillans (dove sale la cabinovia). Qui si trova un cartello indicatore e un bivio, si deve volgere a destra e risalire una ripida fascia di pietrame e alcune facili roccette, il percorso è sempre ben indicato dai segni rossi e dagli ometti. Raggiunto un avvallamento, si vede bene la stazione di arrivo della cabinovia e il Col des Ruillans, utile come riferimento in caso di visibilità precaria, si risale una china di pietrame (o il pendio innevato) e si piega a destra, entrando in un valloncello che con evidente percorso verso sinistra si raggiunge la stazione terminale della cabinovia e il Col des Ruillans 3211 m. Dal colle si segue una pista che scende brevemente sulla pietraia fino a raggiungere il Glacier de la Girose. Si segue la traccia che si tiene inizialmente al centro del ghiacciaio, sulla destra di uno skilift (telesky de la Girose) badando agli eventuali crepacci, portandosi successivamente verso sinistra, in direzione del ben visibile Pic de la Grave. Superato un avvallamento del ghiacciaio, la traccia a breve distanza di una piccola serraccata, poi un ultimo pendio porta al Col de la Lauze 3512 m. Dal colle si rimonta direttamente verso destra un ripido pendio nevoso (o di pietrame se sgombro dalla neve) che porta sull’ampia cima del Dome de la Lauze, posta a breve distanza di un pilone dello skylift, che fortunatamente è più in basso e non disturba chi si trova in cima.
In discesa si percorre a ritroso lo stesso itinerario di salita fino al rifugio e poi alla stazione della cabinovia di Peyrou d’Amont, con la quale si rientra a La Gave, oppure si può utilizzare direttamente tutta la cabinovia dal Col des Ruillans a La Grave.