Noire de Monetier (Tete) Canale NO e traversata cime Ovest-Est

difficoltà: AD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1495
quota vetta (m): 2922
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Enzo51
ultima revisione: 27/05/15

località partenza: le Monetier les Bains (Le Monêtier-les-Bains , 05 )

punti appoggio: Gite d'etape in paese

cartografia: Didier Richard 1:50:000 Ecrin Haut.Dauphine' n.6

accesso:
Da Briancon per il Col de L'autaret fino a Monetier les Bains. All'ingresso del paese una stradina sulla dx porta dopo 200m ca ad un ampio spiazzo dove si parcheggia.

note tecniche:
Un misto di alpinismo e escursionismo fusi assieme. Un bel canale sinuoso alto 450m ca, concentra tutte le difficolta' alpinistiche dell'intero giro ad anello. Il superamento delle pendenze a tratti nella parte alta fino a 55°, richiedono un uso appropriato di picca (meglio se due) e ramponi. Con neve trasformata la risalita e' veloce e sicura. Un passaggio di III° per scendere una balza a meta' della cresta che unisce le due punte e' evitabile perdendo un po' quota ca 100m lato Monetier che va recuperata per tornare in cresta e procedere fino alla punta massima senza alcuna difficolta'

descrizione itinerario:
Dal parcheggio salire a Puy jumar (1800m) seguendo la segnaletica gialla all'inizio del sentiero. Procedere a sx per bel sentiero che al ponte prima di le Puy du Cros, conviene abbandonare per puntare dritto lungo ripide chine erbose lato dx del torrente salendo, che origina dal Vallone della Moulette, che si raggiunge poco dopo. Riprendere il sentiero gr57 per il col de Roche Noire. Abbandonarlo una qualvolta in vista del canale sulla dx un esteso conoide sassoso ne indica l'attacco. Superare il conoide e risalire il canale che dopo 100m ca piega a sx (40°-45°) poi a dx a formare una goulotte (50°) tra due fasce rocciose. Sopra il pendio sempre sostenuto (45°)si allarga a ventaglio pegando nuovamente a sx, andando a restringersi di nuovo. Si e' ora in vista della lunga rampa ascendente da sx verso dx che con pendenze sempre sostenute (tratti a 50° con punte a 55°), conduce in cresta a poca distanza dalla cima ovest (2898m)raggiungibile per un ultimo breve pendio detritico senza difficolta'. Procedere per cresta inizialmente facile, in direzione di alcuni dentini che si aggirano perdendo quota lato Monetier (sud),fino ad un punto (la base di un salto) dove una risalita di 100m ca permette di riguadagnare la cresta che senza alcuna difficolta' di rilievo porta in vetta alla punta massima (2922m). Se invece si vuole restare più sul filo e riguadagnare la cresta brevemente un passo di III° esposto consente di scendere in traverso (esposto) il breve salto roccioso che consente di seguire una linea più diretta alla punta da raggiungere. (ore 2 al canale dal parcheggio, 2.2.30 ore per il canale se in condizioni ,tempo che puo' raddoppiare invece in caso il canale non fosse in condizioni,ore 0.30-0.45, passare da una cima all'altra mantenendo quanto possibile il filo di cresta, tot.dalle 7 alle 8 ore per il giro completo ad anello).