Gorropu (Gole di) - Costas Mammaluccas Lughe 'e vida mia

difficoltà: 6a / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 200
sviluppo arrampicata (m): 470

copertura rete mobile
wind : 80% di copertura

contributors: popeantonio
ultima revisione: 27/09/13

località partenza: Dorgali (Dorgali , NU )

bibliografia: http://www.planetmountain.com

accesso:
Da Dorgali percorrere la S.S.125 fino al valico di Genna Cruxi, quindi prendere la strada a a destra e raggiungere l'altipiano di Pranu Campu Oddeu. Lasciare un primo bivio a sinistra (Fennau) e proseguire sulla strada sterrata principale; superare il ponte in cemento in zona Codula de sa Mela e continuando sempre sulla strada principale si giunge dopo diversi saliscendi agli ovili di Campo Bargios. Da qui proseguire ancora su strada lastricata e raggiungere gli ovili di Sedda Ar Baccas dove si parcheggia.
Seguire il sentiero che scende a Sa Giuntura (confluenza dei fiumi Titione, Flumineddu e Orbisi). Seguire l'alveo del fiume verso la Gola di Su Gorropu superando, sulla sx orografica, con l'aiuto di cavi di acciaio, un primo laghetto. Sempre sul greto, poco prima di arrivare al secondo laghetto (il laghetto sifone), salire ripidamente sulla sinistra (ometto) fino ad individuare, dopo circa 100 metri sulla dx, un varco nella parete. Sempre con l'aiuto di cavi di acciaio si arriva comodamente ad una sella. Si è ora sul fianco della pietraia (Sa Forada) lungo la quale, in discesa, si arriva rapidamente al fondo della gola di Su Gorropu e quindi all'attacco della via alla base dell'evidente spigolo della parete di Costas Mammaluccas (1 ora).

note tecniche:
Via interamente attrezzata a spit (più alcuni cordoni su alberi e clessidre), di difficoltà omogenea (II, S1-S2). La via segue il filo di cresta della parete e si svolge in gran parte su placche. Roccia generalmente buona a parte la seconda e l'ottava lunghezza. Calcolare almeno cinque ore per la via.
I percorsi di avvicinamento e di rientro richiedono buona conoscenza dei luoghi (assenti cartelli, rari ometti).

descrizione itinerario:
L1: 5c
L2: 5b
L3: 5c
L4: 5c+
L5: 5c
L6: 6a
L7: 5b
L8: 5b
L9: 5c+
L10: 5a

Al termine, risalire la parete (ometti) fino al bosco e deviare verso sinistra fino ad arrivare alla ripida pietraia che fiancheggia la montagna. Ridiscenderla e verso il suo termine individuare sulla destra la sella e riprendere la via di accesso.
Sconsigliate le calate in doppia.

altre annotazioni:
Via aperta nel maggio 2013 da Fabio Erriu e Corrado Pibiri. Tracciato dell'itinerario scaricabile da www.planetmountain.com.