Frate della Meia Cresta Sud

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1354
quota vetta (m): 2812
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: laste
ultima revisione: 26/08/13

località partenza: Ca' di Janzo (Riva Valdobbia , VC )

punti appoggio: Alpe Maccagno m 2188

cartografia: Kompass

bibliografia: Valsesia e Monte Rosa di Luigi Ravelli

accesso:
SS N° 299 della Valsesia fino a Riva Valdobbia, prendere a sinistra la stradina della Val Vogna fino a Ca' di Janzo o, se consentito, fino a S. Antonio m 1381

note tecniche:
Facile ascensione su sentieri e cresta rocciosa finale

descrizione itinerario:
Dalla Ca' di Janzo seguire tutta la stradina sterrata eppoi sentiero della Val Vogna fino all'Alpe Maccagno m 2188 h. 3:30 (il pastore afferma di offrire pernottamento a pagamento da giugno a fine settembre e negli altri mesi lascia a disposizione la casera con focolare).
Poco sopra l'Alpe Maccagno bivio: prendere a sin.il sentiero per il Colle della Meia m 2649 tra il Frate della Meia e la Berretta del Vescovo (h. 1:15 - 4:45)
Dal Colle della Meia attaccare la cresta Sud dapprima pianeggiante, poi più erta con qualche bel passaggio su ottima roccia (I°+), poi ancora poco inclinata e infine ripida nell'ultimo tratto (I°) tenendosi sul filo o poco a sin (versante val Vogna) e si conclude in vetta (h 1 - 5:45).
DISCESA: per la stessa via oppure per il versante Nord (già descritta in Gulliver)

altre annotazioni:
Itinerario raccomandabile in estate e autunno in assenza di neve su questa importante montagna un po' misteriosa.
Citato dal Ravelli, ma in modo molto sbrigativo.