Recastello (Pizzo) via normale da Valbondione

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1015
quota vetta (m): 2886
dislivello complessivo (m): 1900

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pulici
ultima revisione: 26/08/13

località partenza: Grumetti (Valbondione) (Valbondione , BG )

punti appoggio: Rif. Curò

cartografia: Alpi Orobie 1: 30000 Meridiani montagne

bibliografia: S. D'Adda - Escursionismo nelle valli bergamasche - Lyasis edizioni. it. 38, quotazione EE

accesso:
casello TO MI Seriate poi tutta Val Seriana fino a Valbondione

note tecniche:
Il canale senza catene offrirebbe un'esposta e non brevissima arrampicata fino al II grado, molto più delicata in discesa, PD, spuntoni solidi. Pertanto il grado F mi sembra appropriato, tenuto altresì conto che certe montagne qui censite (mi viene in mente ad es l'Autovallonasso), sono quotate F per via di un modesto risalto di 3/4 m.
Attenzione al pendio post-canale in discesa e alle pietre fatte cadere da chi precede, casco consigliatissimo nel canale.

descrizione itinerario:
dal Rif. Curò costeggiare per 10 min il lago artificale per poi svoltare a dx prendendo il sentiero 321 (indicazioni rif. Taqliaferri). Lo si segue percorrendo in ascesa lato dx orografico la magnifica e appartata val Cerviera, svoltando a sx ad un primo bivio ubicato sul pianoro da cui si sversa la cascata che incide nel mezzo la valle (a dx indicazioni per i laghi Cerviera).
Si prosegue seguendo le indicazioni "Rif. Tagliaferi via Recastello" superando un breve ma erto risalto. Poco dopo si lasciano a dx le indicazioni per il rif. e si segue a sx una evidente traccia (nessuna indicazione=) ma in breve compare la scritta "recastello" + bollo rosso su un masso.
Proseguire traversando verso sx un vasto pianoro ex glaciale e inerpicarsi sempre più faticosamente per un pendio di fine detrito (o fangoso a seconda dei casi). Molti ometti. Pervenire a sx alla base di un evidente ripidissimo canale attrezzato con catene, circa 50/60 m di dislivello.
Al termine risalire in diagonale dx un infidissimpo ed esposto pendio franoso pervenendo ad un colletto.
Da qui si svolta a dx e per cresta (arrampicata facile) o sentiero lato N (diga) si perviene brevemente in vetta. Panorama sensazionale.