Gran Lui Da Praz de Fort per il col de Saleina e la parete S

difficoltà: AD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1330
quota vetta (m): 3509
dislivello complessivo (m): 2179

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Enzo51
ultima revisione: 04/02/12

località partenza: Praz de Fort (Orsières , Entremont )

punti appoggio: Cabane de Saleina (m.2691)

cartografia: IGN Scala 1:25.000 n.231 Massif du Mont Blanc

note tecniche:
Questo itinerario, consigliato piu' nella stagione primaverile; ricalca in grandi linee il tracciato del raid scialpinistico della Val Ferret Svizzera.Salito nel modo come qui proposto, comporta qualche rischio in piu' per la presenza di crepacci e di ghiaccio vivo affiorante sul pendio sottostante il Col de Saleina.

descrizione itinerario:
1° giorno.A monte di Praz de Fort in localita' Revers svoltare a dx, e salire per altri 2km al parcheggio (1330m).Seguire le indicazioni per la Cab.de Saleina, che si raggiunge su ottimo sentiero (che non va mai abbandonato), con qualche tratto attrezzato a circa meta' percorso(3.30-4h).
2° giorno. Dal rifugio risalire in direzione sud su terreno detritico fino alla base della costola rocciosa che dalla Pointe de Planereuses scende a dividere in due sezioni il ghiacciaio dell'Evole. Piegare alla base e procedere ora con orientamento sud.ovest in traverso una conca glaciale fino alla base di una seconda costola(passaggio delicato) che si oltrepassa alla base, fino a pervenire a una seconda conca glaciale che si risale ascendendo da dx a sx, in direzione della Tita Neire.Segue un'altra conca, e poi un'altra ancora raggiungibili percorrendo il grand Darrey alla base. Si e' ora al cospetto del Gran Lui a q.3170m.
Ci si avvicina alla base del pendio finale prima in leggera discesa,e poi in lieve risalita che adduce al col de Saleina; che si supera(55°)solitamente con ghiaccio vivo e crepaccia terminale superabile co qualche difficolta' in tarda stagione.(passaggio chiave di tutta l'intera salita).Dal colle per uno stretto ma facile passaggio si scende verso sx fino alla base della parete sud della nostra montagna(comodamente raggiungibile anche dalla Cab. de l'A Neuve.)
Risalire la breve parete sud su rocce instabili senza percorso obbligato fino alla vetta.(3.30-4h).
Discesa per il medesimo itinerario di salita. Oppure in alternativa dopo aver riguadagnato il colle scendere verso nord, in direzione del ghiacciaio di Saleina fino al pianoro (m.2870),piegare a dx percorrere il valloncello glaciale all'estremita' sud del gh. di Saleina fino al rifugio che si riguadagna con una breve risalita.(2.30-3h)(crepacci)