Dufour (Punta) Via Normale Italiana per la Cresta SE

difficoltà: AD :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 3260
quota vetta (m): 4634
dislivello complessivo (m): 1374

copertura rete mobile
tim : 40% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: MarcoGiorgetti
ultima revisione: 21/12/11

località partenza: Funifor Punta Indren (Gressoney-la-Trinitè , AO )

punti appoggio: Rifugio Città di Mantova, Capanna Gnifetti, Capanna Margherita

bibliografia: Monte Rosa, CAI-TCI, Buscaini

note tecniche:
Lungo la cresta sud-est della Punta Dufour corre quella che viene chiamata la via normale italiana alla vetta. E' una bella salita, aerea e al sicuro da pericoli oggettivi, ma è anche un itinerario sempre piuttosto esposto ed impegnativo, dove bisogna prestare attenzione agli eventuali tratti ghiacciati e dove è bene non farsi sorprendere dal maltempo. Qualcuno preferisce pernottare al rifugio Regina Margherita prima di attaccare questa via: è vero che tempi e dislivello per la giornata della cima si riducono di molto, ma se non si è dotati di un'accilmatazione più che perfetta, una notte a 4500 metri può significare il fallimento dell'ascensione prima ancora di averla iniziata. Se le condizioni sono buone le creste dello Zumstein sono tracciate, mentre sulla cresta sud-est della Dufour possono servire da riferimento i numerosi segni dei ramponi sulla roccia. Possono essere utili un paio di dadi o friends, fettucce e qualche cordino.

descrizione itinerario:
L'avvicinamento più semplice e meno faticoso è quello che prevede una salita in funivia da Alagna Valsesia (1191 m) fino a Punta Indren (3260 m). E' possibile raggiungere Punta Indren anche salendo da Gressoney.
Da Punta Indren si segue "l'autostrada" per i rifugi Mantova e Gnifetti, dapprima tra i detriti rocciosi di quel che resta del ghiacciaio d'Indren, quindi sul ghiacciaio vero e proprio. Si lascia sulla destra la traccia della via normale alla Punta Giordani, muovendosi sempre in modestissimo dislivello. Le condizioni del luogo possono essere molto variabili, secondo l'innevamento; d'estate è ormai quasi impossibile trovare neve e a volte il passaggio sul ghiaccio (qualche crepaccio) può richiedere attenzione. Si punta alla bastionata rocciosa che separa i ghiacciai d'Indren e di Garstelet. La si può aggirare facilmente a sinistra per un buon sentiero che porta in breve al rifugio Mantova (preferibile per questioni di affollamento al rifugio Gnifetti); in alternativa è possibile superarla direttamente per facili roccette e qualche tratto attrezzato con corde fisse, per sbucare al margine del ghiacciaio di Garstelet. Da qui è possibile scendere al rifugio Mantova (3498 m) in cinque minuti, oppure se si è portata una tenda (soluzione ottimale per non dover prenotare con mesi di anticipo) ci si può accampare in una delle numerose piazzuole già preparate con tanto di muretti di protezione, tra le dune moreniche poco distanti dal rifugio. Mettere in conto un quarto d'ora di salita supplementare se si intende raggiungere il rifugio Gnifetti (3647 m). [1h-1h30]

Dal rifugio Mantova si risale il ghiacciaio sino a portarsi sotto al rifugio Gnifetti. Lo si aggira sulla destra per pendii non ripidi e si raggiunge un’ampia zona pianeggiante, con qualche crepaccio (attenzione nelle ore più calde). Si prosegue attraversando l’intero plateau in direzione del margine sudoccidentale della Piramide Vincent. Si risale il ghiacciaio del Lys inizialmente in diagonale verso sinistra, lungo una rampa un po' ripida, quindi si prosegue su pendenze più moderate, senza mai allontanarsi troppo dalle ripide pendici della Vincent; in alcuni tratti ci si dovrà adattare a passaggi obbligati tra ampi ed insidiosi crepacci. Superata una serie di dislivelli irregolari (30°/35°) si raggiunge la conca nevosa sottostante il Balmenhorn. Lo si lascia sulla destra e si prosegue lungo l’ampia traccia che porta in direzione del Colle del Lys. Senza raggiungere il colle vero e proprio, si guadagna il punto di passaggio (poco più in alto) verso la Punta Gnifetti (4248 m). [2h30-3h]
Al termine dell'ampio pianoro nevoso, la traccia scende attraversando a mezza costa il pendio settentrionale della Punta Parrot, fino a raggiungere una conca sottostante il colle Sesia (4299 m). Qui si riprende a salire tagliando in obliquo sotto alla Punta Gnifetti alla testata del Grenzgletscher (ignorando l'eventuale traccia che scende verso sinistra alla Monte Rosa hutte) fino a raggiungere i pendii meno ripidi che portano al colle Gnifetti (4454 m). Dal colle, lasciando a destra l'evidente traccia che conduce alla Punta Gnifetti, ci si porta sul margine orientale del plateau e si piega a sinistra per risalire la cresta sud-ovest dello Zumstein. Si sale inizialmente su terreno nevoso, comodo e poco ripido; presto l'inclinazione aumenta (40°) e la cresta si fa piuttosto stretta, fino a raggiungere il breve e roccioso tratto finale (bella ed emozionante la vista sulla sottostante parete est). Superate le facili roccette sommitali, spesso tra neve e ghiaccio, si raggiunge la vetta della Punta Zumstein (4563 m). Si scende ora lungo l'aerea cresta nord, inizialmente nevosa (spesso ghiacciata), piuttosto ripida e delicata, quindi più facile e con alcune roccette. Raggiunto il colle Zumstein (4452 m) si attacca la cresta sud-est della Dufour; si superano inizialmente alcuni facili rilievi rocciosi (tra i quali un gendarme più pronunciato da evitare sulla sinistra) quindi la cresta si fa ripida e sale per salti verticali e placche (II e III, seguire i segni dei ramponi sulla roccia), fino a raggiungere il Grenzgipfel (4618 m). Raggiunto un intaglio, un successivo ripido salto (III) conduce all'Ostspitze (4632 m), da dove si prosegue per la rocciosa cresta sommitale, quasi pianeggiante ma aerea. Aggirato un ultimo gendarme, sulla sinistra per un camino si giunge in vetta.
In discesa si può seguire la via di salita, oppure scendere per la cresta ovest verso la Monte Rosa hutte, o raggiungere la Silbersattel per il canale attrezzato del versante nord.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Dufour (Punta) Via Normale Italiana per la Cresta SE - (0 km)
Lyskamm Orientale Parete NE via Welzembach - (0 km)
Dufour (Punta) Cresta Rey - (0 km)
Lyskamm Orientale Via Normale Cresta Est - (0.1 km)
Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren - (0.1 km)
Lyskamm Orientale e Occidentale Traversata Est-Ovest - (0.1 km)
Parrot (Punta) traversata Ovest-Est - (0.1 km)
Vincent (Piramide) Cresta del soldato + cresta ESE - (0.1 km)
Giordani (Punta) Cresta del Soldato - (0.1 km)
Parrot (Punta) - Ludwigshöhe - Corno Nero - Balmenhorn concatenamento da Indren - (0.1 km)
Ludwigshöhe, Schwarzhorn o Corno Nero dal Passo dei Salati - (0.1 km)
Lyskamm Occidentale Parete S diretta - (0.1 km)
Balmenhorn Cristo delle Vette Via Normale - (0.1 km)
Vincent (Piramide) Crestone O - (0.1 km)
Parrot (Punta) Versante Nord - (0.1 km)
Giordani (Punta) Via Normale da Indren - (0.2 km)
Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti - (0.4 km)
Zumstein (Punta) Via Normale da Indren - (0.5 km)
Giordani (Punta) per la cresta SSO e la parete SE della Piramide Vincent - (0.5 km)
Vincent (Piramide) cresta ESE - (0.5 km)
Vincent (Piramide) Cresta SSO - (0.5 km)
Stolenberg, Stralin, Passo Uomo Storto traversata cresta Nord-Sud - (0.7 km)
Perazzi (Punta) dal Rifugio Quintino Sella - (1.4 km)
Parrot (Punta) Traversata per Ludwigshohe, CornoNero, Balmenhorn, Vincent, Giordani - (1.4 km)
Ludwigshohe - Corno Nero - Balmenhorn Traversata da Indren - (1.5 km)