Sentinella di Val Codera L'essenziale è invisibile agli occhi

difficoltà: 6c+ / 6b+ obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 800
sviluppo arrampicata (m): 250
dislivello avvicinamento (m): 500

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: mimi
ultima revisione: 18/04/11

località partenza: Novate mezzola (Novate Mezzola , SO )

punti appoggio: Novate mezzola

note tecniche:
Accesso
Da Lecco seguire la SS36 fino al Trivio di Fuentes (Colico), quindi a sinistra per Chiavenna/Passo dello Spulga. Raggiungere Novate Mezzola. In corrispondenza della stazione ferroviaria di Novate seguire a destra i cartelli indicatori per la Val Codera fino a parcheggiare nello spiazzo al termine della strada (frazione Mezzolpiano). A piedi per il sentiero della Val Codera/Rif.Brasca lungo un’antica e spettacolare mulattiera lastricata, realizzata dai cavatori del famoso granito San Fedelino. Giunti in corrispondenza di un cartello giallo "Pericolo cauta sassi", proseguire a destra sul sentiero fino ad una cava dismessa con vecchia ruspa arrugginita. Qui lasciare il sentiero e deviare a sinistra attraversando il ripiano della cava, fin contro le rocce dove una breve corda fissa porta nel bosco soprastante. Seguire la traccia verso sinistra fino al punto più basso della parete. 1 ora scarsa.

descrizione itinerario:
Aperta: dal basso il 12/20 Marzo e 22 Aprile 2005.
Matteo Della Bordella, Jimmy Palermo, Tommaso Salvadori, Pietro Toniato (Gruppo Avanzi di Cantiere Climbing Posse) con la collaborazione di Veronica Rubini.
Sviluppo: ca. 260m – 6c+ (6b+ obbl.).
Materiale: Completamente attrezzata a Fix 10mm; soste con anello di calata. La chiodatura è buona, solo un po’ selettiva sulla sesta lunghezza.
Portare: 10 rinvii e 2 corde da 50m, qualche dado o friend medio/piccolo per il sesto tiro.
Note: in salita saltare la S2 per fermarsi pochi metri a destra ad un'altra sosta a spit non collegati. La S2 con cordone serve invece per le doppie.