Antona (Monte) Ambrones

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 680
sviluppo arrampicata (m): 140
dislivello avvicinamento (m): 50

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura

contributors: david73
ultima revisione: 22/08/10

località partenza: Porneta (Massa , MS )

punti appoggio: rifugio città di massa pian della fioba

cartografia: multighrapic carta alpi apuane

descrizione itinerario:
140 m. circa. 6 lunghezze. Chiodatura a fix . Soste a fix con catena salvo l'ultima.
Aperta dal basso tra Luglio e Agosto 2010. Roccia di qualità discontinua, non sempre buona, generalmente migliore nella prima parte della via. Ricordarsi lungo tutta la via che siamo su terreno tipico apuano, necessaria attenzione e valutazione della roccia specialmente nei tratti facili. La chiodatura a fix non deve far pensare che siamo su terreno “da falesia”, necessaria abitudine a muoversi su terreni apuani di montagna.
Diff. max. 6a/A0, diff. obblig. 5b. Mat. Consigliato : 2 mezzecorde da 60, qualche cordino da utilizzare nella seconda parte e sul traverso d’uscita .

Avvicinamento : Proveniendo da Massa dalla prov.le Massa-Arni pochi km. dopo il paese di Antona si supera il ristorante la Taverna del Lupo e al primo tornante, mentre la strada sale sulla dx, si parcheggia in uno spiazzo. Proprio al centro del margine sx del curvone parte un sentiero. Si segue facilmente x 10 min., (oltrepassando una falesietta sulla sx) fino ad una amena focetta (Foce di Centorania 710 m. s.l.m.) caratterizzata da una chiesetta con altarino esterno.
Ci si sposta per pochi metri sul versante a monte e si vede l'evidente pilastro caratterizzato da una fessura-diedro con parete placcosa a fianco oggetto della scalata. Si scende 50 m. x tracce fino alla base della paretina. Il panorama è di rara bellezza. Vista magnifica su tutte le Apuane centro settentrionali e la selvaggia valle del Frigido.

1L : 25 m. circa (11 fix ). Si sale lungo il diedro o per placche a sinistra fin sopra l'albero (5a) poi per placche verticali di buona roccia grigio-scuro dai piccoli appigli spesso rovesci. (6a/AO)
2l. : 15 m. (4 fix). Sopra la sosta , legg. a sx poi a prendere il bordo a destra, x placche un po' più appoggiate (5b)
3l.: 20 m. (5 fix). Sopra la sosta obliquando a sx x roccia più lavorata e appigliata. (5a, poi 4b)
4l.: 22 m. (7 fix ) Superare strapiombetto sopra la sosta (5b) poi per placca traversare per pochi m. a sx (4c/5a) e salire x placchette e murettini lo spigolo di roccia bianca calcarea prima e ancora nerastra poi (4b) fino alla sosta (qualche attenzione alla roccia).
5l.: 30 m. (3 fix) Sopra la sosta per gradoni verso dx. (4a), poi facili gradini e rampetta sullo spigolo (II+).
6l. : 30 m. (2 fix) Ancora facilmente x spigolo(II) fino sotto un muretto un po' strapiombante ma dai buoni piccoli appigli(5a) superato il quale si raggiunge la sosta.

A questo punto vi sono due opzioni:
A: Si può proseguire x la cresta est fin sul monte Antona (100 m. dislivello, passaggi di II e un breve tratto aereo orizzontale abbastanza esposto; panorama stupendo anche sul versante mare). Si scende poi ad un vicino intaglio ad ovest della cima. Poi x sentieretto ripido tra gli alberi (qualche vecchio bollo rosso sbiadito) in 15/20 min. si ritorna alla foce. Percorso facile ma esposto e non da sottovalutare.
B: Dall'ultima sosta si traversa in leggera discesa x 40/45 metri verso una selletta con buoni spuntoni (I/II, conviene andare legati, terreno un po' infido e esposto; possibilità di rinviare a clessidre e con cordini). Dalla selletta in 5 min. si scende alla foce.