Meja (Rocca la) Cosi Vicino cosi lontano

difficoltà: 6b+ / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2500
sviluppo arrampicata (m): 280
dislivello avvicinamento (m): 150

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 30% di copertura

contributors: berni Fab Alb
ultima revisione: 29/07/15

località partenza: Colle Margherina (Canosio , CN )

bibliografia: L.Belliardo F.Bottero - Rocca la Meja AlpClimbing - I libri della Bussola - 2011

accesso:
da Demonte in Valle Stura oppure da CastelMagno in Valle Grana si sale fino al Colle di Valcavera e da qui si scende all’altopiano della Gardetta, tra le caserme diroccate, in pietra nera, della Bandia, si prosegue per la sterrata fino al Colle Margherita, evidente da qui la parete, parcheggiare.
A piedi si scende per un marcato sentiero, poi per prati e tracce sulla pietraia fino alla base delle placche, una 50ina di metri a destra dell’evidente diedro che delimita la parete dal corpo centrale della Meja.

note tecniche:
L’itinerario si sviluppa su placche di roccia eccezionale e molto abrasiva, davvero rara alla Meja, fatto salvo pochi metri facili su L4

Discesa:
Le soste sono su due fixe di cui uno con anello di calata, ma è preferibile e più veloce scendere per la normale, 25’.
Dall’ultima sosta traversare la cengia aggirando a DX il piccolo torrione giallo (1 spit) e risalire il retrostante canale per 30m, facile, poi a sinistra oltre il secondo piccolo muro bianco che si incontra salendo (5-6 metri, III) fino al colletto. Ricongiungersi qui alla normale. Scendere lungo la normale sino alla base per poi costeggiare lo zoccolo e tornare agli zaini, 25/30’ in tutto.

descrizione itinerario:
La via attacca una 20ina di metri a destra e più in basso di un evidente “pollice” di roccia gialla, FIXE color bronzo sotto un tettino a 8m da terra. Ometto alla base.

L1) superare il tettino ed una bella placca a reglettes, poi per risalti alla sosta, 5c, 55m. 6 fixe
L2) bellissima placca ad intrusioni interrotta da una vaga cengia, 5c, 35m. 6 fixe
L3) incredibile muro continuo a tacche e cannalure, 6a, 45m. 10 fixe
L4) diedrino e pancia in uscita poi facile, 5c, 35m. 4 fixe
Piccolo trasferimento sin sotto una nicchia, 1 fixe di sosta, 20m
L5) portarsi sotto il muro grigio, fixe ravvicinati per non cadere sulla lame sottostanti, con difficile passo d’entrata, traverso difficile e placca, 6b, 25m. 6 fixe
L6) muro difficile e traverso seguendo una grossa fessura, difficile ristabilimento (6b+ in libera o A0) e diritti per cannalure, 6b+ 45m. 10 fixe
L7) tettino a destra e muretto con singolo difficile, 6b, 20m. 4 fixe

altre annotazioni:
M. Bernini, F. Parussa e M. Pavone nel 09/’06, dal basso, per le prime 5 lunghezze e terminata da
M. Bernini, S. Latino e M. Piras il 25/06/’07