Corno Piccolo - Campanile Livia Via Valeria e Via dei Triestini

difficoltà: 5a / 3 obbl
esposizione arrampicata: Varie
sviluppo arrampicata (m): 100

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: annibale
ultima revisione: 05/07/10

località partenza: Prati di Tivo (Pietracamela , TE )

punti appoggio: Rif. Franchetti

cartografia: Carta 1:25000 Gran Sasso

bibliografia: Grazzini-Abbate Gran Sasso d'Italia CAI-TCI : It.41i Via Valeria ; 41b Via dei triestini

accesso:
da Prati di Tivo prendere la seggiovia fino alla Madonnina, quindi seguire il sentiero per il rifugio Franchetti (1,5 h). Dal rifugio seguire il sentiero verso SO e poi verso S, fino alla Sella dei Due Corni, quindi scendere verso N lungo la parete seguendo una traccia di sentiero su ghiaione; tale sentiero lascia dopo poco il ghiaione per piegare verso destra sulle rocce, divenendo la via ferrata Danesi. La via inizia in corrispondenza di una piccola forcella subito dopo aver abbandonato il ghiaione, visibile un chiodo a circa 4 m. di altezza. Via da proteggere con serie di friends (necessari i numeri più alti), cordini e qualche dado.
Uscita: sulla cima del Campanile Livia, lato SE, una catena permette di attrezzare una doppia. La catena a sua volta è raggiungibile mettendosi in sicura su un masso attrezzato sulla cima. Roccia ottima e facilmente proteggibile. 140 m.

note tecniche:
Due belle vie, brevi, che possono essere proficuamente abbinate.
Valeria: AD 140 m.
Via dei Triestini : D 100 m.

descrizione itinerario:
L1- rampetta a destra di III+, evitare il chiodo che è rotto, quindi per roccette facili si arriva ad un terrazzino con sosta.
L2- fessura serpeggiante, un chiodo di via alla fine, IV-
L3- Su per un camino a destra, IV- e chiodo a metà, poi placchetta IV+ sulla sinistra.
L4- cengia sulla sinistra fino a un cordino, quindi diritti verso l'uscita (III)


VIA dei TRIESTINI
Divertente salita, molto ripetuta, che supera in basso un sistema di fessure e, in alto, placche fessurate a sinistra del canale della via normale.
Dalla Sella dei Due Corni 2547 m (v. 77) si scende nel Vallone dei Ginepri oltre il canale della via normale. L 'attacco è immediatamente a sinistra di uno spigolo che scende fino alle ghiaie.
Salire una fessura che forma uno strapiombo (20 m, V).
Non proseguire in fessura, ma per una rampa che va verso destra; oltrepassare uno spigoletto e con un camino arrivare a una cengia sotto la bella parete terminale che si supera lungo fessure (2 tiri, IV- e IV), giungendo esattamente sulla cima (ore 1-1.30).
Variante bassa. - Luigi Mario. Passa a destra dello spigolo per diedri che conducono alla 2a sosta della via. Consente di evitare la difficile fessura iniziale.