Zinalrothorn, spalla 4017 m Traversata da Mountet – Moming da Zinal

Zinalrothorn, spalla 4017 m Traversata da Mountet – Moming da Zinal

Dettagli
Dislivello (m)
2347
Quota partenza (m)
1670
Quota vetta/quota (m)
4017
Esposizione
Nord
Difficoltà sciistica
OSA
Tipologia
Ghiacciaio

Località di partenza Punti d'appoggio
Cabane du Gran Montet 2886

Note
Percorso che racchiude tutto quanto ci si può aspettare da un itinerario di alta montagna: ambiente, salita alpinistica non banale, discesa su un ghiacciaio ripido e molto crepacciato con un tratto che può richiedere calate in doppia o assicurazioni.
Descrizione

Salita al rifugio: si segue il sentiero estivo fino a quando esso passa sulla sx orografica . a circa 1900 m, quando esso attraversa il fiume, si prosegue seguendo il fondo valle fino a raggiungere il Ghiacciaio che si segue senza problemi fino a 2700 m circa. A quel punto si sale a sx e scavalcata la morena si raggiunge il rifugio.
Salita alla spalla dello Zinalrothorn: si segue il pendio dietro al rifugio in direzione NNE stando a sx della morena, che si raggiunge e scavalca a circa 3200 m. Si prosegue sul ghiacciaio stando circa 50 m a dx dell’arete du blanc.
Arrivati a circa 3750 m si tolgono gli sci, li si carica sullo zaino, e si prosegue a piedi. Qui si può decidere di seguire la cresta più o meno fedelmente oppure si traversa 150 m a dx ( in tal caso si tengono ancora gli sci ai piedi), per andare a prendere un pendio –canale ce conduce 50 m a dx della spalla.
Dalla vetta si può scendere seguendo uno speroncino di rocce rotto per 50 m e poi prendere piedi sul gh dove si possono calzare gli sci. Attenzione a possibile ghiaccio sotto la neve.
Dal plateau sottostante si scende tenendosi prevalentemente al centro o un po’ a sx, non troppo perchè c’è un salto che precipita per 600 m sul sottostante gh di Moming. Il percorso va ricercato in funzione delle condizioni di innenvamento e dei numerosi enormi crepacci. A circa 3650 m inizia un caos di crepacci e seracchi che precipita per 250 m sul plateau sottostante. Si può passare, di norma, o al centro se i crepacci sono abbastanza chiusi, oppure aggirando sulla dx questo tratto e ritornando poi a sx a circa 3400 m.
Da qui si segue senza problemi il bellissimo plateau che con moderata pendenza conduce sotto le vette del Blanc de Moming e dell Besso arrivati sotto quest’ultimo ci si tiene tutto a sx seguendo il gh ora più ripido ma sciabilissimo fino a raggiungere due morene che si originano a circa 2500 m . si scende tra le due, si aggirano a dx dei salti di roccia e si ritorna a sx poco sopra 2200 m.
Da lì si individua facilmente il percorso che conduce al ponte a 1900 m

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
carta 1:25000 svizzera Evolene
Bibliografia:
Scialpinismo quota 4000 ed CDA
tittamassi
05.05.2013
7 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 2617m 2.3Km

Roc de la Vache

Panoramica 2230m 3.1Km

Lac d’Ar Pitetta

Panoramica 3538m 4.8Km

Diablon des Dames

Panoramica 2976m 5.2Km

Col de Milon

Panoramica 3396m 5.4Km

Pigne de la Lé

Panoramica 3396m 5.4Km

Pigne de la Lé

Panoramica 2825m 5.6Km

Cabane de Moiry

Panoramica 3256m 5.8Km

Cabane de Tracuit Sunrise

Panoramica 3256m 5.8Km

Cabane de Tracuit Sundown

Panoramica 3124m 6.3Km

Frilihorn

Link copiato