Seti (Mont) Parete Sud, C’est-ô Seti

Seti (Mont) Parete Sud, C’est-ô Seti

Dettagli
Dislivello (m)
1300
Quota partenza (m)
2022
Quota vetta/quota (m)
3153
Esposizione
Varie
Grado
AD-

Località di partenza Punti d'appoggio
Refuge des Evettes

Avvicinamento
Torino-Moncenisio-Bonneval-L'Ecot
Note
Via di montagna, attrezzata minimamente a fix, che permette di salire una cima molto panoramica nel bellissimo circo degli Evettes.
Materiale: corda da 40m, 5 rinvii, 2 fettucce lunghe, friend piccoli e medi per integrare.
Discesa non banale. Sconsigliato calarsi in doppia dalla via.
Descrizione

Da L’Ecot salire al Rifugio des Evettes, quindi scendere al ponte romano (indicazioni). Attraversare il ponte e piegare a dx, dopo cento metri prendere a sx il sentiero che sale in direzione del Lac du Grand Mean rimontando inizialmente delle belle placche di gneiss. Seguire lungamente il sentiero fino a raggiungere una morena, dove si vede finalmente il lago e il ghiacciaio du Gran Mean. Abbandonare ora il sentiero e risalire la morena. Quando questa spiana, tagliare a sx e puntare al centro della parete dove attacca la via (fix con cordone).

L1- (3a) Salire dritto per dei gradini. Sosta su un terrazzo ai piedi di uno sperone compatto be visibile dal basso (3 fix).
L2- (3b) Partire 1 metro a destra della sosta per superare il salto verticale, aggirare a dx lo spigolo , poi in diagonale sulla sx (3 fix).
L3 – (4c) Salire il muro a dx della sosta, quindi un dietro verso sx, infine un camino (4 fix).
L4 – (4a) Partire a sx, poi a dx per una placca facile (3 fix).
L5 – (4a) Attraversare a sinistra su un piccolo muro liscio, poi salire dritto su dei gradoni (2 fix).
L6 – (3a) Muro fratturato, poi dritto per dei gradini. Sosta su cordone. (2 fix).
Segue una breve sezione di facile camminata su traccia (ometti) per raggiungere l’ultimo tiro (fix ben visibile su una placca).
L7 – (3c) risalire una serie di bei muri fratturati e sostare sulla cresta SO a 30-40 m dalla vetta. Sosta da costruire (4 fix). Raggiungere la vetta senza più alcuna difficoltà.

Discesa: tornare indietro qualche metro lungo la via di salita quindi seguire la cresta SO (numerosi ometti segnalano il percorso da seguire). Si scende per blocchi, rampe, cenge e canalini rocciosi (passi di II). I tratti più difficili si evitano lato sud, ma trascurare ogni ometto e traccia che manda verso la parete meridionale e continuare lungo al cresta. In fondo si giunge su un salto. Si gira allora verso dx e si prende una stretta cengia rocciosa sul versante Ovest, un po’ esposta che conduce sulla pietraia sottostante (II, 1 chiodo). Si segue ora una traccia che borda la parete ovest e per pietraie e rocce montonate poi si punta al sentiero percorso in salita col quale si torna al ponte romano.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Via attrezzata nel settembre 2016 da Baptiste Damevin, Pierrot Grange e Greg Coubat.
Cartografia:
IGC 1:25.000
m-gulliver
01.09.2019
1 anno fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 3042m 2.1Km

Ouille du Midi

Panoramica 3357m 3.8Km

Ouille Noire

Panoramica 3217m 5Km

Pointe d’Andagne

Panoramica 2780m 5.8Km

Refuge du Carro

Panoramica 3482m 6.3Km

Grande Aiguille Rousse

Panoramica 3130m 6.3Km

Ouille Allegra

Webcam m 9.8Km

Uja di Bessanese

Link copiato