Ridotta d’Andourn da Fenestrelle

Ridotta d’Andourn da Fenestrelle

Dettagli
Dislivello (m)
650
Quota partenza (m)
1150
Quota vetta/quota (m)
1740
Esposizione
Est
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Poco prima di raggiungere Fenestrelle, 200 m. prima dei ruderi della ridotta Carlo Alberto, si svolta a sinistra seguendo in discesa le indicazioni per Chambons; appena dopo il ponte si parcheggia di fronte alla Centrale idroelettrica.
Descrizione

Dalla centrale, si prende a dx – direzione Fenestrelle – lungo la via indicata con cartelli “Via dei Romani”; si prosegue fino a raggiungere una sterrata, si svolta a sx (a dx si raggiunge il ponte sul Chisone che conduce nel centro paese) e si sale ai ruderi del Forte Moutin.
Si prosegue sulla strada fino a raggiungere un’area attrezzata sulla sx. Da qui, prendere il sentiero a dx che parte pochi metri sopra la recinzione di un’antenna e del pilone votivo (senza superare la condotta forzata), passa accanto al traliccio dell’alta tensione e si inerpica lungo il pendio del Monte Gran Costa, a fianco della condotta forzata.
Raggiungere i ruderi della ridotta Eisduc, posizionata a monte del pozzo della condotta forzata della centrale. Da qui il sentiero prosegue a sx ed è segnalato con cartelli di legno.
Continuare seguendo il sentiero che, spostandosi progressivamente verso sx, sbuca sul pendio che in breve porta alla Ridotta d’Andourn (lapide con scritta).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Realizzata nel 1701 sulla cresta spartiacque della Gran Costa, la ridotta doveva impedire che il luogo, adatto per bombardare dall'alto il sottostante Forte Mutin, venisse occupato dagli assedianti.
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.3 Val di Susa Val Cenischia Rocciamelone Val Chisone
Bibliografia:
Le strade dei Forti, M. Boglione
ameliammalia
01/08/2015
5 anni fa
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato