Nasta (Cima di) Strapiombi di Nasta

Nasta (Cima di) Strapiombi di Nasta

Dettagli
Altitudine (m)
2800
Dislivello avvicinamento (m)
900
Sviluppo arrampicata (m)
400
Esposizione
Ovest
Grado massimo
6b+
Difficoltà obbligatoria
6a

Località di partenza Punti d'appoggio
RIFUGIO REMONDINO

Note
Bellissima via in un ambiente spettacolare.
Chiodatura mista, spit e chiodi (questi ultimi non sempre sicuri)piuttosto distanziata dopo i primi due tiri di corda. Utili alcuni nut e friend di misure varie.
Si riporta la relazione di Michelin con poche rettifiche.
1)Risalire il nevaio e raggiungere la parete a sinistra dello spigolo Vernet. Superare la fessura fino a raggiungere un piccolo punto di sosta vicino ad una lama staccata (VI, V). Si può saltare la prima sosta e proseguire su belle placche lavorate dall'erosione, piegando leggermente verso sinistra e raggiungere la sosta sotto ad una placca scura (V, IV).
2)Seguire verso destra una spaccatura (V), poi salire verticalmente fin sotto ad uno strapiombo (VI+). Attraversare quindi, verso sinistra fino a raggiungere un diedrino sopra la verticale del punto di sosta (VI. VII+). Superare il diedro (VI, un passo) e sostare.
3)Salire verso sinistra (VI) poi continuare verticalmente su placche compatte fino alla base di un diedro (V+, V). Superarlo (V), poi continuare direttamente su placche più articolate, raggiungendo la cengia che taglia orizzontalmente la parete Ovest (IV, V).
4-5)Proseguire su terreno faciile in direzione di un diedrino, superarlo, continuare a destra di una larga spaccatura e sostare sotto un tratto verticale (IV)
6)Salire verso sinistra (IV) raggiungere un diedro e risalirlo fino al suo termine (IV poi VI)
7)Seguire un’altro grande diedro (IV, V) e al suo termine sostare a destra sotto imponenti strapiombi.
8)Con una delicata traversata sulla placca a sinistra (passo V+), raggiungere e superare un diedro verticale che consente di portarsi al di sopra degli strapiombi (sosta a destra V+,V)
9) Proseguire lungo un breve camino verticale poi salire verso destra superando alcuni tratti strapiombanti e portarsi sullo spigolo (IV+, V+) Da questa sosta è possibile calarsi sulla via con doppie da 50 metri.
10)Dalla sosta spostarsi a sinistra e salire verticalmente fino a un comodo terrazzino (V-, IV)
11)Salire per 60 metri su terreno più facile (II)
12)Proseguire su parete più ripida e poi lungo un diedro inclinato fino a portarsi sul filo della cresta (IV, III) che si segue fino ad un intaglio.
13)Superare un’evidente spaccatura vicina allo spigolo e continuare fino all’anticima, dove si sosta su spuntone, (V+, utile un friend grande per la fessura, poi IV+)
Descrizione

Fiorenzo Michelin-Francesco Martinelli

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
miura
18/07/2017
3 anni fa
5 anni fa
8 anni fa
11 anni fa
15 anni fa
16 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 2020m 2.8Km

Diga del Chiotas

Stazione Meteo
Stazione Meteo 1390m 6.2Km

Valdieri

Stazione Meteo
Link copiato