Giusalet (Monte) Cresta S/SE

Giusalet (Monte) Cresta S/SE

Dettagli
Dislivello (m)
1250
Quota partenza (m)
2000
Quota vetta/quota (m)
3312
Esposizione
Varie
Grado
PD+

Località di partenza Punti d'appoggio
Refuge du Petit Mont Cenis

Avvicinamento
Arrivati al lago del Moncenisio si prosegue costeggiandolo fino al suo termine dove sulla sx si troverà l'indicazione per il rifugio Mont Cenis, si scende per qualche decina di metri poi alla prima deviazione si gira a dx e si continua su stradina asfaltata per circa 7 km. dove al termine dell'asfalto a Les Coulours si posteggia.
Note
IL monte Giusalet è una grande montagna con le vicine Cima di Bard e la Punta della Vecchia a formare un grande massiccio visibile anche dalla pianura di Torino. IL nome Ciusalet deriva probabilmente dal sostantivo piemontese "ciusa" cioè "chiusura". Erroneamente su tutte le carte viene indicato con il nome Giusalet, e Signal de Clery per i francesi. La cima può essere raggiunta partendo da vari punti compiendo sempre una bella gita, dalla vetta è consigliabile seguire la larga cresta N che conduce in breve ad un altra cima non nominata sulla carta IGC, di uguale altezza da cui si gode di una bella vista sul lago del Moncenisio. La via di cresta qui descritta è molto interessante si procede su roccia buona se si sta sul filo di cresta, alcune difficoltà si possono anche aggirare, in alto la cresta si appiattisce e le difficoltà diminuiscono poi si raggiunge il sentiero della via normale col quale si percorrono gli ultimi ripidi metri prima della cima.
Descrizione

Da Les Coulours si segue la mulattiera in direzione sud, si procede in leggera salita poi in falso piano, dopo avere perso un poco di quota e dopo avere percorso circa 2 km si perviene in prossimità di una piccola “chiusa” all’ingresso del vallone delle Savine.

Da questo punto la mulattiera diviene un bel sentiero e raggiunge le Grange omonime, si prosegue in leggera ascesa continua costeggiando il rio de Savine per un tratto di circa 3,5 km arrivando al bellissimo lago delle Savine.  Si percorrono ora in piano circa 900 m fino a raggiungere la palina del Fond de Savine 2452 m altra bacheca e la deviazione che bisogna fare a sinistra lasciando il sentiero per il Col Clapier .

Ora bisogna seguire il segnavia B/R in direzione est, la via è marcata a lato con numerose pietre fino ad un ruscello dove ha inizio il sentiero sul lato apposto, si sale a tornanti per un lungo tratto e un dislivello di circa 400 m fino a pervenire al Passo dei Trinceramenti 2889 mi.

Si lascia il sentiero che continua per il rifugio Avanzà e si sale per cresta, si superano delle opere militari “rudere di pietra, trinceramenti di ferro e filo spinato, una casamatta” si contorna la Punta della Vecchia e si arriva al colle omonimo 2982 m.

Dal colle seguire fedelmente la cresta frastagliata con passaggi di II/III,  arrampicata piacevole e varia fino a pervenire sulla via normale da dove in breve si raggiunge la vetta.

Per il ritorno a piacimento, si può scendere dalla via normale fino al fondo della conca del lago della Vecchia da dove per detriti mobili si sale il canalone fino al Colle della Vecchia e da lì scendere; oppure ripercorrere la via di andata.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC Valli di Lanzo e Moncenisio n°2
luciastrek
25.07.2020
2 settimane fa

Condizioni

Link copiato