Massa del Turlo da Solivo Volta per la Cima di Ventolaro

Massa del Turlo da Solivo Volta per la Cima di Ventolaro
La gita
erba-olina
3 12/01/2014
Accesso stradale
Auto a Solivo, strada per Alpe Piane innevata
Osservazioni
Visto valanghe lastroni esistenti
Neve (parte superiore gita)
Crosta da rigelo portante
Neve (parte inferiore gita)
Bagnata
Quota neve m
1100

Percorsa la mulattiera n.620 dal parcheggio di Solivo e calzate le racchette poco oltre quota 1050, più che altro per evitare mosse rocambolesche sul ghiaccio, la neve vera comicia all’Alpe Piane. Traccione granitico fin oltre il boschetto di betulle, dove non bisogna lasciarsi tentare dalla risalita della dorsale ma volgere a dx per aggirare alcune asperità rocciose e riguadagnare la cresta non appena possibile (anche prima della bocchetta che precede la Cima di Ventolaro). E’ questo l’unico tratto da valutare con attenzione in caso di forte innevamento ed elevato rischio valanghe, dalla Ventolaro in poi si sta sempre sulla dorsale, itinerario quindi sicuro e adatto alle ciaspole. La cresta si restringe in alcuni punti, in particolare prima dell’anticima, ma è sempre ben percorribile con le racchette. A causa del caldo anomalo e dell’expo sud, non ci aspettavamo certo una bella neve, tutto sommato è andata ancora bene: sfondosa sin dal mattino solo nel traverso, poi in dorsale si procedeva bene e in discesa stando sulla traccia si son limitati i danni.
Panorami superlativi, bellissimo il contrasto fra i 4000 svizzeri da un lato e il lago Maggiore dall’altro.

Anche oggi con Tiziana e Domenico (Lupi grigi). Circa una decina di escursionisti si son succeduti in vetta, tutti in racchette. Un saluto al gruppo Camosci di Varallo Sesia, con i quali abbiamo trascorso una bella oretta in allegra compagnia presso il rifugio Camosci all’Alpe Piane.

Link copiato