Lac du Pavé (Refuge du) da Pont d’Arsine

Lac du Pavé (Refuge du) da Pont d’Arsine
La gita
irui70
4 13/08/2020

Sentieri tutto o.k. ben segnalati e tenuti. Bello lo scorcio visivo dalla lunghissima piana del Plan de l’Alpe sul lontano Montagne dex Agneaux e sul Pic de Chamoissiere, e anche il vallone del Glacier de la Plate des Agneaux visto poco dopo aver passato il Pont de Valfourche. Da qua entriamo nel vallone a dx salendo poi la morena che passa sotto i dirupati contrafforti rocciosi del Pic Gaspard 3881mt. a dx ed il versante settentrionale della Roche Meane 3728mt. dove alloggia l’ormai il morente Glacier du Clot des Cavales a sx. Bello anche il Lac du Pavé ed il rifugio che in realtà è una Arriviamo al Ref. du lac du Pavé in poco più di h.3.00. Per la discesa decidiamo di scendere sulla via che scende direttamente verso la morena, il tratto è per escursionisti esperti ed è attrezzato con alcuni cavi corrimano un po’ ciondolanti su placchette un po’ lisce ma niente di che, ovviamente è meglio non scenderlo in caso bagnato o peggio ancora con neve. Giornata meteo con cielo velato e un po’ di vento in quota che rendeva la temperatura piuttosto freddina, guanti e braghe lunghe oggi molto utili.

Primo giorno del Trek Ecrins in compagnia di Valentino Tullio e Beppe con la lunga salita al Ref. de Lac du Pavé. Curiosità: il rifugio non brilla di bellezza visto che è una lunga baracca metallica, il motivo è svelato dalla sua curiosa storia un po’ travagliata. Dopo che il vecchio edificio fu distrutto da una valanga, ne fu costruito uno nuovo nel 1970 anch’esso subito distrutto da una valanga (della serie… la sfiga ci vede bene). Abbandonato ovviamente e definitivamente l’idea di costruirne un’ altro, la capanna degli operai edili dell’epoca da allora è stata adibita a rifugio, la proprietà è del Club Alpino Francese sezione Briançon. Anche se piccolo e visivamente mal messo il rifugio all’interno è essenziale e ben gestito da una ragazza molto gentile.

Link copiato