Grigna Settentrionale o Grignone per il rifugio Elisa e il sentiero dei Chignoli

Grigna Settentrionale o Grignone per il rifugio Elisa e il sentiero dei Chignoli

Dettagli
Dislivello (m)
2010
Quota partenza (m)
400
Quota vetta/quota (m)
2410
Esposizione
Ovest
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
rifugio Elisa (1515 m), bivacco Merlini (2144 m), rifugio Brioschi (2409 m)

Note
Itinerario vario ed interessante lungo la bella Val Meria, in uno degli ambienti più selvaggi e severi di queste frequentatissime montagne. Non spaventi il dislivello, che si supera per comoda mulattiera nella prima parte e ripido sentiero nella parte alta. Comunque possibile spezzare in due al bel rifugio Elisa.
Descrizione

Da Rongio si prende la stradina per il rifugio Elisa, che fino al Ponte dell’Acqua Bianca procede in falsopiano e lievi saliscendi. Si prende a salire decisamente, presso la grotta della Ferrera si lascia a sinistra il sentiero per la Gardata, poi per una serie di tornanti si guadagna quota sul versante solatio fino ad un ameno baitello su un poggio panoramico sotto al Sasso Cavallo. Si procede verso destra con pendenza minore fino al non lontano rifugio (ore 2.30-3.00).
Dal rifugio si prende il sentiero che volge a sinistra verso le pareti del Sasso Cavallo e del Sasso dei Carbonari. Dopo un breve saltino attrezzato, si esce dal bosco e si lascia a sinistra il sentiero per la Val Cassina e il rifugio Bietti, e si prende a destra il “sentiero dei chignoli” che risale molto direttamente per balze erbose, roccette a tratti attrezzate e ghiaie un gran canalone che conduce alla bocchetta della Bassa (2144 m, ore 1.30-2.00), dove si trova il ricovero del bivacco Merlini e ci si congiunge all’evidente sentiero che sale dalla Valsassina.
Da qui per l’ampia traccia si perviene al rifugio Brioschi ed alla vetta (ore 0.30, in tutto 4.30-5.30).

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
il-bruno
05.09.2020
14 anni fa

Condizioni

Link copiato