Fontane (Parete di) – Cret di Croc

Fontane (Parete di) – Cret di Croc

Dettagli
Altitudine (m)
1300
Sviluppo arrampicata (m)
300
Esposizione
Sud
Grado massimo
4
Difficoltà obbligatoria
3

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Come la Via Cordata nel Vallone degli Invincibili in Val Pellice, la guida alpina Sandro Paschetto ha voluto crearne una anche qui tre le tante che stanno nascendo su pareti decisamente verticali.
La Cret di Croc, attrezzata con "code di porco", permette di percorrerla in simultanea con corda tesa e con scarponi su terreno facile e didattico.
Si snoda prima su un lungo sperone/cresta molto panoramico poi, dopo un traverso a sx del canalone, su ulteriori salti fino all'esaurimento roccia poco sotto il sentiero di rientro che, seguito verso sx, in breve porta allo sterrato per il Colletto di Fontane a pochi minuti dalla borgata.
Avvicinamento
Lungo la Val Germanasca, dopo Perrero, svoltare per Rodoretto e subito dopo a dx per Fontane dove si parcheggia in ampio spazio. Andare verso il cimitero e prima di questo, scendere una stradina sterrata che porta ad una trattoria rustica. Oltre la struttura inizia un sentiero che poco pochi mt. inizia a scendere passando dall'ingresso di una vecchia miniera con fabbricati.
Con alcuni tornanti e corde fisse di sicurezza nei punti esposti, il sentiero panoramico rasenta poi la parete con alcuni tiri impegnativi attrezzati di recente, oltrapassarli e quando il sentiero inizia a scendere, costeggiando la parete in leggera salita, si giunge all'attacco con nome della via. Più a dx, altra via più difficile.
Descrizione

Seguire l’attrezzatura sullo sperone ponendo attenzione a qualche blocco mobile fino alla grande terrazza alberata dopo il tiro del traverso a sx.
Sono presenti alcuni anelli per soste in caso di tiri.

Dalla terrazza verso sx si scende qualche mt, sempre attrezzati, per abbordare la seconda parte su saltini ed una paretina con passo un po’ più impegnativo. Oltre vi sono placche appoggiate verso dx fino a fine via.
Salendo pochi mt si arriva al sentiero che, seguito verso sx porta alla sterrata di rientro.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Crêt dî Croc significa “cresta dei ganci” nell’occitano locale
teddy
28/09/2020
5 mesi fa
8 mesi fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1385m 3.4Km

Praly

Stazione Meteo
Webcam 1480m 6.3Km

Prali – Malzat

Webcam
Webcam 2200m 6.5Km

Prali – la Capannina

Webcam
Webcam 2450m 6.9Km

Prali – Bric Rond

Webcam
Link copiato