Casera Campotorondo (Bivacco) da Pattine

Casera Campotorondo (Bivacco) da Pattine

Dettagli
Dislivello (m)
1200
Quota partenza (m)
600
Quota vetta/quota (m)
1763
Esposizione
Nord
Grado
E
Sentiero tipo, n°, segnavia
sentiero nr 502

Località di partenza Punti d'appoggio
Bivacco casera Campotorondo

Avvicinamento
Si percorre la bella e incassata Valle del Mis per circa 14 km fino al secondo ponte che attraversa a sinistra. La strada diventa sterrata e in km 1,5 porta a uno spiazzo adibito a parcheggio nei pressi dei vecchi insediamenti di Pattine e California.
Note
Percorso alternativo alla val Canzoi per arrivare alla bella casera Campotorondo nel Parco Dolomiti Bellunesi.
Descrizione

Lasciata l’auto in uno slargo della strada si sale al vicino abitato di Pattine ( 5′, fontana, bel panorama verso le Pale di San Martino ). Un cartello segnavia ci indica la direzione . Si sale prima per un breve tratto cementato, poi sempre ripidamente in un bosco di alti faggi senza alcuna panorama per uscire in una prima radura con baita a mt 1314 (Casera Vallon). Alternando tratti ripidi e radure pianeggianti ci si inoltra nella lunga valle. Un ultimo tratto di antica mulattiera ci conduce alla bella Casera Campotorondo costituita da 2 fabbricati, uno aperto agli escursionisti, un altro per il servizio vigilanza del parco. La casera offre 8 posti letto, ha un ampia sala con tavoli e una cucina attrezzata con lavello e acqua corrente. Da qui si può salire al Monte Mondo e al Monte Agnelezze per tracce di sentiero più o meno evidenti. La discesa avviene per lo stesso sentiero.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
La valle è segnata dal corso del torrente Mis tra il gruppo del Pizzocco, sulla destra orografica, e i Monti del Sole, alla sinistra. La prima metà è in gran parte occupata dal lago del Mis, bacino artificiale la cui diga si trova proprio all'imbocco della vallata.
Fino a un tempo relativamente recente, la valle del Mis era punteggiata da numerosi insediamenti rurali abitati stabilmente, distribuiti nel fondovalle o lungo i pendii più assolati. La costruzione della diga con la conseguente formazione del lago artificiale (1957-1962) ha finito per sommergere gli abitati più "bassi" e gli spazi coltivabili, nonché la vecchia strada che si snodava lungo il fondovalle. Ad accelerare l'abbandono della valle ha contribuito l'alluvione del 1966 sicché dal 1972 risulta quasi completamente disabitata.
il paese di California, sorto nel XIX secolo, comprendeva varie borgate sorte con lo sfruttamento delle miniere di mercurio di Vallalta che all'epoca erano le seste al mondo in termini di produzione. Nel 1962 le miniere di Vallalta furono chiuse, ma l'economia fu sostenuta dal turismo. La fine del paese fu decretata dall'alluvione del 1966 (fonte Wikipedia)
Ora qualcuno è ritornato ad abitare queste zone, alcune case sono state ristrutturate e si vede qualche orto e prato ben tagliato.
Cartografia:
Carta Tabacco Pale di San Martino
lancillotto
29.07.2018
2 anni fa

Condizioni

Link copiato